NEWS

Feyenoord-Napoli 2-1, la pagella degli azzurri

Reina 6: poco impegnato dagli attaccanti olandesi, non ha responsabilità sui due gol incassati.

Maggio 6,5: quando attacca sulla fascia si trova di fronte un ragazzino assai promettente che ha la metà dei suoi anni, ma nonostante ciò se la cava piuttosto bene, anche in fase difensiva. Sicuramente uno dei migliori del Napoli. (Dal 64° Mario Rui 5,5: non incide particolarmente sulla gara).

Albiol 5: inizia benissimo servendo la palla per il gol di Zielinski, ma i due errori di marcatura commessi in occasione delle due reti segnate entrambe di testa dagli attaccanti del Feyenoord sono imperdonabili.

Koulibaly 6: sempre attento in difesa, gioca una gara sufficiente anche in fase d’impostazione.

Hysaj 5,5: ci mette tantissimo impegno, ma giocando in una zona di campo che non gli appartiene i noti limiti si ingigantiscono a dismisura.

Allan 6: meno brillante del solito, ci mette comunque tanto impegno e lotta sempre come un leone. (Dal 60° Rog 6: nel poco tempo concessogli da Sarri si mette in mostra con qualche buon numero dimostrando che forse meriterebbe maggiore considerazione).

Diawara 5,5: contro il Feyenord gioca forse la peggior partita da quando è nel Napoli. Contrasta poco e sbaglia troppi passaggi semplici. Qualche buona apertura di gioco e nulla più.

Hamsik 5,5: si rende utile in mezzo al campo smistando palla con sufficiente precisione, ma il vero problema è che non gli riescono più gli inserimenti in zona gol. Ma anche la fortuna non lo aiuta, tant’è che un avversario riesce ad anticiparlo di un soffio mentre tenta di calciare in rete da pochissimi centimetri.

Callejon 5,5: pur impegnandosi tanto sulla fascia destra, manca in brillantezza e si propone meno del solito nei suoi famosi tagli nell’area avversaria. Netto il il fallo ai suoi danni non visto dall’arbitro inglese che non concede il rigore . (Dal 74° Ounas 6: qualche buon numero tra i quali un’ottima palla servita in profondità per Mertens in piena area di rigore).

Mertens 5,5: dà qualche segnale di ripresa e gioca un po’ meglio rispetto alle ultime prestazioni, ma continua a essere lontano dai suoi soliti standard.

Zielinski 6: mezzo voto in più per il gol che per mezz’ora illude gli azzurri, per il resto disputa una partita priva di giocate importanti.

Sarri 5,5: il Napoli ha un ottimo approccio alla partita andando subito in gol e sfiorandolo in almeno altre due occasioni. Ma quando in campo arriva la notizia del doppio svantaggio del City gli azzurri hanno un evidente calo di concentrazione e subiscono la pressione degli olandesi che prima pareggiano e poi vincono la gara. Si esce così dalla Champions con quattro sconfitte su sei partite giocate, fallendo il primo obiettivo stagionale. Compito dell’allenatore, adesso, sarà quello di risollevare il morale dei calciatori e, soprattutto, di tenere in maggiore considerazione quei ragazzi che finora hanno trovato poco spazio, anzi pochissimo. Magari partendo proprio dall’Europa League.

Roberto Rey

 

FacebookTwitterGoogle+EmailCondividi
Roberto Rey
Roberto Rey
Grafico - Vignettista

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*



rfwbs-slide