Il Napoli ha sconfitto la paura e la sfortuna ancor più che il Genoa.

 

NAPOLI – GENOA 1 – 0

Due pali e l’obbligo di approfittare dell’assist fornito dalla Juve, hanno in parte condizionato gli undici azzurri che non sempre sono stati lucidi e precisi. Forse sono apparsi meno brillanti che nel passato, eppure per due volte il palo ha negato il gol, prima con Insigne alla fine del primo tempo, poi con Mertens al 7° del secondo tempo, senza contare al 40° l’occasione gol di Allan, che, solo di fronte a Perin, sbaglia, forse trattenuto in modo irregolare. Il Napoli ha abituato tutti alla perfezione e anche qualche pausa o qualche preziosismo eccessivo viene sottolineato: “Il genio – ha detto Sarri ai microfoni Sky – è al limite della follia e ora forse siamo più vicini alla follia che al genio”.
Ora il Napoli è a due punti dalla Juve con qualche certezza in più, potendo sfruttare questa sosta sino al 31 marzo per ritemprare le forze mentali messe a dura prova. Con il Genoa non è stato il miglior Napoli, soprattutto nel primo tempo, ma la pressione e il dover vincere hanno limitato la spensieratezza del gioco. Ci ha pensato Albiol a regalare questi tre punti preziosi al Napoli che ha risposto ad Allegri sul campo. Il tempo per riordinare le idee, il tempo per recuperare le forze, il tempo per recuperare l’insostituibile capitan Hamsik, e il Napoli è pronto a correre fino in fondo.

Nel primo tempo il Genoa parte aggressivo e dopo 30 secondi batte il primo corner. Al 5° mischia pericolosa in area partenopea con Hiljermark che prova i riflessi di Reina. Al 6° il Napoli prova a reagire con scambi e palleggio e Mertens attacca la profondità e guadagna un corner: Mario Rui scodella dentro e ancora corner. Ma il Genoa riparte e guadagna un corner che non sfrutta, ma un minuto dopo Lazovic salta Koulibaky e prova la conclusione che finisce sull’esterno della rete. Al 14° il primo tiro è di Mertens che non inquadra la porta ma al 16° sciupa un’occasione d’oro: Jorginho in verticale lo serve e il belga prova la conclusione ignorando Callejon al centro. Al 18° capitan Hamsik chiede il cambio e Zielinski prende il suo posto. Al 25°, tiro improvviso di Insigne ma Perin blocca in due tempi. Al 35° si fa vedere ancora il Genoa con Spolli che di testa, sugli sviluppi di un corner, sfiora il palo. Al 40° grande occasione gol: Mertens in dribbling salta un avversario e serve su un piatto d’argento la palla gol per Allan che (trattenuto) tira alle stelle. Sul finire del tempo, sugli sviluppi di un corner, Insigne colpisce con la nuca la palla che si stampa sul palo. Si va al riposo sullo 0-0

Nel secondo tempo il Napoli è più reattivo e al 49° Allan vede Insigne in buona posizione ma il lancio è lungo. Al 52° Mertens da fuori area tenta il gol con un destro a giro potente che finisce sul palo alla sinistra di Perin e rimbalza dall’altro lato. Una partita stregata e i minuti passano con un Genoa sempre in agguato con Pandev (al 59°) e Taarabt (al 60°) . Non hanno fortuna le giocate di Insigne che al 69° tocca per Zielinski murato, né di Callejon che dalla bandierina non trova la rete. Al 72° Callejon batte un corner e nel mucchio salta Albiol che in torsione di testa infila alle spalle di Perin. Il boato del San Paolo che aspettava da 72 minuti. Un gol che allontanava i fantasmi. Un gol che benediceva il percorso. E poi all’87° ancora un’altra occasione per chiudere la partita: Milik, tutto solo, avanza e potrebbe tentare il tiro ma vede Insigne sulla sinistra, lo serve ma Biraghi sulla linea salva. Tre minuti di recupero per capire che il tempo è una convenzione. Tre minuti vicini all’eternità. Ma Pasqua finalmente fischia e il Napoli è a due punti dalla Juve.

FORMAZIONI

NAPOLI : Reina, Hysaj, Albiol, Koulibaly, Mario Rui, Hamsik (19° pt Zielinski), Jorginho (36° st Milik), Allan, Insigne, Mertens, Callejon (40° st Rog)

GENOA : Perin, Biraschi, Spolli, Zukanovic, Rosi (33° st Rossi), Lazovic (17° st Taarabt), Hijemark, Bertolacci Laxalt, Pandev ( 22° st Rigoni), Galabinov
AMMONITI : Zielinski

RETI : 72° Albiol

ARBITRO : Pasqua (Tivoli)

Diana Miraglia

Diana Miraglia
Informazioni su Diana Miraglia 1499 Articoli
Giornalista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*