A Crotone tre punti d’oro per tornare a correre

CROTONE – NAPOLI 1 – 2

Non certo esaltante la vittoria del Napoli che non vinceva da tre turni, ma, tante volte invocata, è arrivata la vittoria utile. Sarri ha cambiato molto e molto giustamente per far rifiatare Ghoulam e Jorginho inserendo Diawara in cabina di regia, Strinic a sinistra e Maksimovic in attesa di Albiol. In attacco ha riproposto Gabbiadini al centro con Mertens e Callejon ai lati, ma dopo appena mezz’ora Gabbiadini è stato espulso: Mazzoleni gli ha mostrato il rosso diretto per una fallo di reazione che era un po’ il riassunto di una rabbia repressa per troppo tempo. “E’ un tipo schivo – ha dichiarato Sarri – ed avrebbe bisogno di tranquillità in un momento in cui si parla troppo di lui”. Certo è che Gabbiadini rischia anche tre giornate se l’arbitro ha ravvisato gioco violento, ma almeno due giornate di squalifica e di conseguenza il Napoli affronterà la Juve, sabato prossimo, senza l’attaccante.

Comincia benissimo per il Napoli che dopo 5 minuti potrebbe portarsi in vantaggio con Hamsik che calcia a lato di poco; ma è al 15° che Cordaz, il migliore del Crotone, compie un miracolo su un tiro violento di Gabbiadini servito da Mertens. Il gol è nell’aria e il Crotone affanna e scalcia molto più le gambe che il pallone: al 17° l’azione che porta il Napoli in vantaggio. Mertens inizia il personalissimo dribbling fino a passare al centro dove un rinvio maldestro mette Callejon nella condizione di calciare in rete: Ferrari intercetta ma accompagna la palla sul palo e poi in rete. Poco dopo è Hamsik a lanciare Callejon che, da posizione favorevole, non sfrutta per il raddoppio. Al 28° è il Crotone a farsi vedere dopo una palla persa da Allan: Palladino tira e Reina in due tempi salva. Al 31° Ferrari commette un fallaccio da dietro su Gabbiadini che da terra scalcia colpendo l’avversario: anche un accenno di rissa mentre Mazzoleni arriva col rosso mostrato a Manolo che lascia i compagni in 10, quando manca oltre un’ora alla fine. Ma il Crotone non sa cogliere il dono inaspettato e il Napoli non sembra soffrire più di tanto l’inferiorità numerica: anzi dopo appena due minuti segna ancora con Maksimovic su un tocco di testa di Koulibaly che aveva ricevuto da corner.
Finisce il primo tempo con il Napoli in vantaggio di due gol.

Comincia il secondo tempo e il tecnico del Crotone prova a cambiare qualcosa schierando Stoian al posto di uno spento Salzano ma i ritmi sono lenti e il Napoli riesce a prevalere anche quando qualche amnesia di troppo potrebbe essere sfruttata dal Crotone. Maksimovic e Diawara perdono palla in zona pericolosa e Reina rinvia proprio per invitare i calabresi a provarci. La partita si trascina e l’inferiorità comincia a sentirsi. Al 66° Simy entrato al posto di Tonev, solo dinnanzi a Reina spara alto. Un segno: al 76° Reina salva due volte su Falcinelli e poi su Rohden (al posto di Palladino) fino al gol bandiera all’89° di Rosi che serve a festeggiare la prima gara del Crotone nello stadio Scida.

Per il Napoli tre punti d’oro conquistati fuori casa e dopo un momento che poteva tradursi in crisi. Non si è visto il bel gioco, piuttosto si è visto un gioco anche provinciale ma che doveva tradursi in punti. La linea difensiva è ancora da registrare ma il necessario inserimento di nuovi interpreti comporta anche qualche incertezza. Sarri è consapevole che c’è molto da lavorare e ha dichiarato: “Dobbiamo solamente guarire”. E mercoledì, contro l’Empoli, occorrerebbe un’altra prova di personalità, in attesa, sabato, di un esame più complesso.

FORMAZIONI:

CROTONE : Cordaz, Rosi, Dos Santos, Ferrari, Martella, Capezzi, Criselig, Salzano (46° Stoian), Tonev (55° Simy), Falcinelli, Palladino (76° Rohden)

NAPOLI : Reina, Hysaj, Maksimovic, Koulibaly, Strinic, Allan, Diawara, Hamsik (63° Zielinski), Mertens (82°El Kaddouri), Gabbiadini, Callejon (76° Giaccherini)

AMMONITI : Crisetig, Ferrari

ESPULSO : Gabbiadini

RETI : 17° Callejon, 33° Maksimovic, 89° Rosi

ARBITRO : Mazzoleni (Bergamo)

Diana Miraglia

Diana Miraglia
Informazioni su Diana Miraglia 2060 Articoli
Giornalista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*