All’Allianz i cori contro Napoli parati dai genovesi, mentre i tifosi juventini contestano la società

Rieccoli con i soliti cori durante la gara tra Juventus e Genoa: «Noi non siamo napoletani», «Vesuvio lavali col fuoco», «Quella curva lì sembra Napoli» (rivolti ai tifosi genoani). Rieccoli, i tifosi arrabbiati che non riescono a oltraggiare altri che se stessi: ora si scagliano anche contro la società bianconera affiggendo due striscioni di protesta: «Ricorso da paraculo di una società che odia la sua gente» e «Chiedi il daspo per chi canta “sapone”, mai una parola per i -39». Un momentaccio per la Juve che vede aprirsi diverse crepe nel suo bunker di potere.
Da oltre un anno la società prova a parare i colpi, da quando la questione biglietti ha coinvolto Agnelli, Marotta e la ndrangheta; dall’inibizione del presidente per un anno, (ridotta poi a tre mesi) alla santificazione passando per Marotta fedelissimo di Elkann messo alla porta. Poi l’acquisto controverso di Ronaldo che nel trasloco ha portato con sé un armadio pieno di scheletri, e, ancora, lo scontro, sin dall’estate con i tifosi che in un Twitter dalla pagina AroundJFans, ( ripresa da calciomercato.com) scrissero: “Puoi essere al top, rispettando i tifosi!“. Tifosi juventini napoletani che recentemente si sono scontrati in una faida interna proprio per i cori anti-Napoli. I True Boys contro  Tradizione per chiedere di non levare al ciel cori razzisti. Napoletani che, finalmente, hanno sentito l’insulto e che hanno tentato l’elemosina: inascoltati.

Una società, quella bianconera sempre vincente in Italia da sette anni consecutivi ma che anche nel passato ha rappresentato il top. Grande società riconosciuta tale anche dalla classe arbitrale che continua ad ossequiarla tanto che il solito, birichino Pistocchi allontanato da Mediaset Sport per commenti poco edulcorati, ha recentemente dichiarato a Radio Marte: “Stendiamo un velo pietoso sull’arbitraggio di Parma-Juve, è meglio. Il Var? È morto a San Siro con il secondo giallo mancato a Pjanic e lo hanno seppellito con il nuovo protocollo applicato alla nuova stagione”. La signora potrà pur vincere l’ottavo sigillo ma occorrerebbe il fuoco del Vesuvio per lavare ciò che è sporco.
P.S : sarà chiusa la curva per la seconda giornata?

Diana Miraglia

Diana Miraglia
Informazioni su Diana Miraglia 2118 Articoli
Giornalista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*