Amin Younes, l’unica certezza è lo scampato pericolo che arrivi a Napoli

 

Amin Younes ha rilasciato al quotidiano olandese De Telegraaf alcune dichiarazioni che spiegherebbero la decisione di non accettare il trasferimento a Napoli. L’impressione di una città povera e sporca, un faccia a faccia con un gruppetto di camorristi sarebbero le cause della sua fuga. Successivamente sono arrivate le ritrattazioni e il Sindaco De Magistris valuterà se il quotidiano o il giocatore abbiano in qualche modo infangato la città. Fosse accertata l’intervista così com’è apparsa, sarebbe “ causa a farsi” o al giocatore oppure al quotidiano. D’altronde il signor Younes con le sue mille spiegazioni circa il suo veto a posteriori del trasferimento al Napoli, ha messo sul piatto tante verità che rimescola continuamente. Un giallista potrebbe prendere spunto per tracciare il canovaccio di un libro da bancarella. L’unica certezza è lo scampato pericolo del suo arrivo (oggi o domani) a Napoli.

L’ultima versione scomoda (nel senso di scomodare) addirittura un gruppo di camorristi che lo avrebbe avvicinato, determinando in lui un vero e proprio choc di cui, il mediatore cui era affidato, Innocentin, non sapeva nulla. Inoltre la città gli è sembrata povera e sporca contrariamente a quanto gli aveva riferito Milik e infine il povero giovanotto avrebbe avuto un deludente incontro con Maurizio Sarri che non gli prometteva la coccarda come primo della classe.
Innocentin smentisce in modo categorico questa intervista ribadendo di aver rifiutato l’offerta del quotidiano. Intanto la notizia è stata ripresa da tutti i quotidiani europei sempre pronti a tuffarsi sul solito chichè che fa tiratura e Napoli, ancora una volta, dovrà difendersi dai ciarlatani.

Sorprende tuttavia che un quotidiano locale sia potuto incorrere in uno scoop da quattro soldi considerando che il giocatore non gode di grande attendibilità. “Napoli, arrivo”; “fuga da Napoli”; “il nonno morente”, “un contratto di 5 anni dimenticato”; “sospensione nell’Ajax di due settimane per aver rifiutato di entrare in campo”. E ora, il tedeschino di quasi 25 anni, si scontra anche con un giornalista: intanto ha ancora tanto da dimostrare come giocatore.

Diana Miraglia

Diana Miraglia
Informazioni su Diana Miraglia 1870 Articoli
Giornalista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*