Asencio si trasforma in talismano. L’Avellino chiude il 2017 con una vittoria

L’Avellino torna a gioire soltanto alla fine del girone d’andata, conquistando sempre in casa una vittoria che mancava dal 24 ottobre. Mesi fa fu Asencio a decidere il match contro la Pro Vercelli ed è stato proprio il centravanti spagnolo ad aprire le danze nella sfida contro la Ternana. Ci ha pensato Bidaoui poi a chiudere i giochi in un match dove l’Avellino ha avuto la meglio dal punto di vista fisico e tattico. Gli umbri hanno probabilmente pagato le troppe assenze, tra cui Montalto che si è fermato nel riscaldamento.

La prima metà di campionato è stata conclusa con 25 punti. Considerando lo splendido inizio di stagione, i punti potevano essere sicuramente di più. Come però ha ammesso Novellino in conferenza stampa, i lupi hanno perso grande fiducia dopo la sconfitta nel derby, che ha tagliato le gambe alla squadra. Alla ripresa del campionato il 20 gennaio gli irpini partiranno sicuramente carichi e con un po’ di convinzione in più data dal successo in questo scontro diretto, che ha allontanato i campani dalla zona play-out.

Il campionato è lungo e i presupposti per crescere in classifica ci sono. Con qualche aiutino dal mercato invernale si può tranquillamente inseguire una posizione di classifica più alta. Intanto la chiusura d’anno per l’Avellino non poteva essere migliore e adesso si può pensare a brindare e al cenone di San Silvestro con maggiore tranquillità.

Lorenzo Gaudiano

Lorenzo Gaudiano
Informazioni su Lorenzo Gaudiano 994 Articoli
Giornalista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*