Asinus ad senem pastorem

 

Come si diceva una volta: all’urdem’ora o pezze fauze o ncrerenza.
e allora per la buona notte… nu fattariello d”o si’ fedro, chillo d”o “ciuccio e ‘o pastore”
Chello ca ‘o ciuccio dicette a lo viecchio pastore
Spisso, quanno se cagna cummannante, pe’ pezziente nun cagna ato ca la manera ‘e fa d’’o patrone. E quanto è overo chesto nce l’ammosta stu cuntariello cca.

Nu viecchio, vile ‘e core, pasceva ‘o ciucciariello suio int’’a nu pascone. Schiantato p’’e strille ca ‘e nemice evano dato â ntrasatta, cercava ‘e fa’ capace ‘o ciuccio de se ne fujì’ e de nun se fa’ ancappà. Ma chillo, cazzo cazzo, lle dicette: «dimme a mme, tu te cride ca chillo ca vence me mette ncuollo ddoje sarme?» ‘O viecchio rispunnette ca nno. «E addonca arrepegliaie ‘o ciuccio – nzi a ca me carreca cu na sarma sulamente che me ne fotte ‘e chi faccio ‘o servitore?»

in latino
Asinus ad senem pastorem.
In principatu commutando saepius
Nil praeter domini mores mutant pauperes.
Id esse verum parva haec fabella indicat.

Asellum in prato timidus pascebat senex.
Is hostium clamore subito territus
Suadebat asino fugere, ne possent capi.
At ille lentus: «Quaeso, num binas mihi
Clitellas impositurum victorem putas?»
Senex negavit. «Ergo quid refert mea,
Cui serviam clitellas dum portem meas?»

l’asino al vecchio pastore
Quando cambia il governo, molto spesso per i poveracci non cambia nulla se non il modo d’essere del padrone. Che sia vero lo indica questa piccola favoletta.
Un vecchio pauroso faceva pascolare in un prato il suo asinello. Atterrito dall’improvviso gridare dei nemici, esortava l’asino a fuggire per non lasciarsi prendere. Ma quello, senza fretta: “Dimmi, credi che il vincitore mi metterà addosso due basti?”. Il vecchio rispose di no. “Allora, purché mi si carichi di un unico basto, cosa mi importa chi devo servire?”.

Carlo Avvisati

Carlo Avvisati
Informazioni su Carlo Avvisati 51 Articoli
Giornalista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*