Atalanta e Inter in Champions, l’Empoli, eroico, è retrocesso

Cala il sipario sul campionato di calcio di Serie A 2018/19 con gli ultimi verdetti: Juventus, Napoli, Atalanta e Inter disputeranno la prossima Champions League. Lazio e Milan disputeranno l’Europa League accedendo ai gironi, mentre la Roma dovrà passare attraverso i preliminari per assicurarsi una stagione in Europa.
In Serie B, al Chievo e al Frosinone si aggiunge l’eroico Empoli che è stato sconfitto da un gigante di nome Handanovic.
La 38esima di campionato iniziata sabato con Frosinone-Chievo (0-0), e Bologna-Napoli (3-2) è proseguita domenica con Torino-Lazio (3-1) e Sampdoria-Juventus (2-0), partite che nulla avevano da chiedere alla classifica pur se hanno fatto rumore le sconfitte del Napoli e soprattutto quella della Juve che poco o nulla ha raccolto da quando ha festeggiato matematicamente l’ottavo sigillo.
Alle 20,30 sono invece iniziate le gare di testa-coda dove la suspence era palpabile su tutti gli stadi coinvolti: in 90 minuti si sarebbe tracciato il prossimo campionato.
INTER-EMPOLI 2 – 1 è stata una partita di straordinaria intensità che andrebbe vista e rivista. Per la cronaca, l’11 di Spalletti inizia la gara con un’intensità ed una ferocia per far capire d’essere determinata nel raggiungere l’obiettivo, ma l’Empoli è squadra tosta che riesce a reggere l’urto iniziale e a creare situazioni molto pericolose da far temere i nerazzurri che rallentano per ragionare. Si va al riposo sullo 0-0 che non soddisfa l’Inter mentre salva l’Empoli. Nel secondo tempo Spalletti sostituisce Asamoah con Keita che al 50° segna il gol Champions. Al 61° Icardi viene atterrato in area da Dragowski (molti i dubbi) e Banti concede, complice il VAR il rigore. Batte Icardi e Dragowski para. Reagisce l’Empoli mentre l’Inter accusa il colpo e al 76° Traorè segna l’1-1- San Siro ammutolisce, ma all’80° Nainggolan riporta l’Inter in vantaggio. Ma i successivi 18 minuti sono tutti da rivivere: occasioni gol dell’Empoli sventate da un super Handanovic che, quasi da solo, regala la Champions all’Inter.
ATALANTA – SASSUOLO 3-1 Il risultato non dice tutta la verità: l’Atalanta ha trovato un Sassuolo che pur non dovendo vincere per necessità di classifica, non ha regalato nulla all’avversario: al 19° Berardi porta in vantaggio i neroverdi ma Zapata riesce a trovare un fortunoso gol (contestatissimo) al 35°. La gara diventa nervosa e al fischio finale del primo tempo nasce una maxirissa che costringe l’arbitro a mostrare il rosso a Berardi. Il Sassuolo torna sul terreno di gioco in 10 e prima Gomez al 53°, poi Pasalic al 66° possono consentire a Gasperini di festeggiare l’ingresso Champions.
SPAL-MILAN 2-3 Al 18° Calhanoglu porta in vantaggio il Milan e al 23° Kessie raddoppia ma la Spal approfitta di un calo dei rossoneri e al 28° con Vicari accorcia le distanze. Nel secondo tempo, i ferraresi con Fares raggiungono il pareggio ma, Kessie, dal dischetto riporta in vantaggio il Milan che vince una partita ma non l’ingresso alla Champions.
ROMA-PARMA 1-0 Un gol di Pellegrini al 35° per festeggiare l’addio di De Rossi. La Roma disputerà i preliminari di Europa League mente i cugini laziali partiranno dai gironi grazie alla Coppa Italia.
FIORENTINA-GENOA 0-0 Scialbo risultato. Si salvano entrambe: ma ci sarà tanto lavoro da fare
CAGLIARI UDINESE 1-2 Inizia bene il Cagliari con una rete di Pavoletti al 17° ma nel secondo tempo le motivazioni tra le due squadre fanno la differenza: al 59° Hallfeosson e De Maio al 69° chiudono il discorso salvezza.

Diana Miraglia

Diana Miraglia
Informazioni su Diana Miraglia 2036 Articoli
Giornalista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*