Aurelio De Laurentiis prova a spegnere i fuochi fatui

 

La lunga intervista concessa da Aurelio De Laurentiis alla Gazzetta dello Sport conferma la notizia data da Sky circa il possibile trasferimento di Milik al Chievo Verona. Un modo, chiarisce De Laurentiis, per consentire un pieno recupero del polacco potendo giocare con continuità, ma anche un modo amichevole di sottrarre Inglese a Maran.
Non sarà facile : “Proveremo a convincerlo”, intanto la domanda circa l’impegno di Champions a Manchester : “Io credo che in questa partita si dovrebbero far riposare un po’ quei giocatori che hanno un minutaggio più alto : la gara con l’Inter è alle porte ed è altrettanto importante”. De Laurentiis non può dichiarare che il campionato sia una priorità e, sull’argomento, conclude :“ Dobbiamo preoccuparci soltanto di superare il turno, non di vincere tutte le partite”.

Gestire le forze dei giocatori e gestire le priorità nelle tre competizioni, non è semplice anche considerando il rischio di finire terzi nel girone F di Champions League e scivolare in Europa League proprio nell’anno in cui la massima concentrazione è rivolta al 20 maggio 2018, ovvero all’ultima giornata di campionato con Napoli – Crotone.

Intanto domani sera il Napoli andrà a sfidare il Manchester di Guardiola i cui elogi preoccupano De Laurentiis: “Non vorrei che i complimenti deconcentrassero i giocatori: per noi potrebbe essere una partita quasi impossibile da vincere. Poi…li aspetteremo a Napoli.”

E domani sera, in contemporanea, si sfideranno anche Feyenoord – Shakthar . Uno sguardo alla classifica per ricordare che il Manchester è a punteggio pieno con 6 gol fatti e nessuno subito; il Napoli a tre punti è a +1 tra gol fatti e subiti, mentre lo Shakthar, anche a tre punti, è a -1 per differenza reti. L’auspicio è che il Feyenoord, nel suo campionato 2° in classifica a 16 punti, voglia riscattarsi e vincere di misura per giungere alla 4^ giornata ( 1° novembre) con maggiore equilibrio.

Diana Miraglia
Informazioni su Diana Miraglia 2118 Articoli
Giornalista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*