Buona la terza per il Napoli di Ancelotti

Napoli-Chievo Verona 2-0

Buona anche la terza per il Napoli di Carlo Ancelotti, nel primo vero test stagionale degli azzurri, contro i solidi ed esperti clivensi pronti a vedersela con CR7 alla prima di campionato. Ottima la prestazione di Simone Verdi, autore del primo gol al 10’ su splendido assist di Insigne; convincente la prestazione di Hamsik, ormai sempre più dentro il ruolo di regista affidatogli dal tecnico di Reggiolo; a tratti incontenibile Ounas, subentrato al posto di Insigne. Unica nota stonata della serata è stato l’infortunio che ha costretto Lorenzo Insigne ad uscire, infortunio causato dall’inesperienza (o forse stoltezza) di Tanasijevic, giovane 21enne serbo, fischiato per tutto il resto della partita dai tifosi presenti allo stadio. Decisamente impalpabile la prestazione di Arkadiusz Milik, che sbaglia un gol fatto e praticamente non tocca un pallone; bene Inglese, che comunque non riesce a trovare la via del gol. A raddoppiare all’86’ minuto ci pensa Lorenzo Tonelli, uno dei possibili partenti, che su corner calciato dalla destra spizza la palla in porta; lo stadio Briamasco di Trento acclama a gran voce “Lorenzo” (Tonelli) che potrebbe con Ancelotti trovare spazio da terzino destro, proprio come sperimentato contro il Chievo. E’ proprio Tonelli che si spinge sulla fascia destra e che conduce l’ultima azione per il Napoli, finendo clamorosamente atterrato in area di rigore; per l’arbitro non è rigore, ma è ottima la prestazione del numero 62 azzurro, subentrato alla metà del secondo tempo al posto di Hysaj.

A fine partita Carlo Ancelotti ha commentato a Sky la prestazione azzurra nell’amichevole col Chievo, esprimendo soddisfazione per la fase difensiva e sul mercato. “Milik è qua da quattro giorni, non mi aspettavo di più e ha fatto molto bene. È bravissimo, sono contentissimo di lui. Terzini? C’è abbondanza, Tonelli e Luperto si sono adattati con grande impegno, stiamo valutando alcune situazioni sul mercato ed avremo tempo per farlo. Non c’è emergenza, questi calciatori si adattano molto bene”. Arrabbiato? Solo con Diawara perché si era girato male, ma dobbiamo essere contenti che mi sia arrabbiato una volta sola.  Inglese? Sono contento di tutti, ma non mi piace fare valutazioni individuali, preferisco quelle collettive”.
Ora testa a Liverpool, Borussia Dortmund e Wolfsburg: in attesa di vedere il Napoli di Carlo Ancelotti in campionato.

Massimiliano Pucino

Massimiliano Pucino
Informazioni su Massimiliano Pucino 220 Articoli
Collaboratore

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*