CAOS JUVENTUS

YouTube colpisce ancora con una feroce parodia di Radio 105 con GLI AUTOGOL. Tutta la verità sulle dimissioni di Antonio Conte e la reazione dei senatori abbandonati dal loro condottiero. Eh, sì! Acque agitate in casa bianconera con tifosi  agguerriti e divisi nell’arte dell’insulto: chi è contro la società e Andrea Agnelli, chi contro l’ex allenatore. E’ comprensibile per chi è “vinciuto” tirare calci contro la malasorte al punto che finanche la discreta first lady Emma Winter ha affidato ad un tweet il suo sfogo: “Voi pensate che AA sia seduto sul divano a girarsi i pollici e non stia facendo il suo fottuto (una finezza! n.r.) meglio per risolvere il problema che qualcun altro ha creato”. E in un altro tweet: “Credetemi, nessuno vive i drammi e gli sconvolgimenti di qualsiasi momento della squadra più delle mogli e delle famiglie di ogni membro del club”. E per rasserenare l’ambiente ci ha messo il suo anche Pavel Nedved, consigliere d’amministrazione, che in un’intervista al quotidiano Denk Sport, a proposito del morso a Chiellini,  ha detto: “Per certi versi capisco l’uruguaiano. Certe cose non le approvo, ma, nonostante questo, ero furioso per la reazione di Chiellini: mostrando il morso all’avversario, si è comportato come un bambino”. E senza pace, cambiando albergo per l’ennesima volta in un precampionato elettrico, è arrivato Massimiliano Allegri che con tanta umiltà, nella conferenza stampa, ha dichiarato: “Sono fortunato di incontrare dopo tre anni Andrea Pirlo”. E Pirlo al ‘femminile’ farebbe proprio arrabbiare i tifosi tenuti sotto controllo dal capo ultras della fazione Viking, Loris Granchini che non può promettere cori di incitamento ma neanche manifestazioni di protesta. Così va il mondo cari strisciati: Ciro Ferrara, Alberto Zaccheroni, Luigi Del Neri: ricordate? E se vi girate un po’ più indietro la serie B, onorevole per chi combatte e alla fine perde.

Clicca qui e guarda il video di YouTube

Diana Miraglia

Diana Miraglia
Informazioni su Diana Miraglia 2087 Articoli
Giornalista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*