Carlo Ancelotti in conferenza stampa evita polemiche con la Società e con l’uso del VAR: testa alla gara di domani

Carlo Ancelotti non è d’accordo con la società che ha deciso il ritiro della squadra sino alla gara con il Genoa: non è d’accordo ma fa sue le preoccupazioni e alla domanda – se sia la notizia del giorno- risponde: “La notizia del giorno è che domani abbiamo una gara importante che ci deve permettere di passare il girone di Champions, è un obiettivo per tutti noi e sappiamo quanto è difficile. Siamo concentrati su quello, sul cercare di fare una gara di alto livello. Tutto il resto sono dettagli, sui quali si può essere d’accordo o meno. Se me lo chiede, devo dire che non sono d’accordo con questa decisione presa dalla società, noi dobbiamo accettarla”.

E a chi gli chiede se questa decisione possa cambiare qualcosa nei rapporti, Ancelotti, ribadisce:” Non voglio parlare delle decisioni della società, sono qui per parlare della partita di domani. Per l’importanza della gara questo è un dettaglio insignificante, noi siamo concentrati sulla partita, valutando bene cosa abbiamo fatto nelle ultime gare e cosa dobbiamo fare domani”.

Come spiegare le tante occasioni gol? “Non so spiegarlo neanche io, dobbiamo entrare bene dall’inizio se vogliamo fare risultato, dobbiamo avere più fame e cattiveria perché non esistono partite facili. Abbiamo preso gol alla prima occasione, poi non abbiamo segnato quando è girata per noi, nella ripresa siamo entrati ugualmente male e sul 2-0 col rigore è finita la partita. Possiamo fare meglio, siamo il Napoli, con tanti grandi giocatori”.

Preoccupa la classifica? “Se non fossi preoccupato sarei superficiale, mi preoccupa ma mantengo la calma, la mente fredda, credo che è giusto valutare bene la situazione per cambiarla.”

Quale opinione sull’uso del VAR ? C’è confusione? “Sì, ma non ne voglio più parlare”.

Contro il Salisburgo, quale Napoli? “Non cambierà rispetto all’andata, sfruttando la velocità offensiva provando ad essere compatti in difesa. Il piano tattico vogliamo mantenerlo. Così come loro, manterranno la stessa intensità”.

Dopo un ultimo periodo difficile, la Champions:  “La partita di Roma è stata fallita, sulle altre due tutte le squadre di Champions hanno avuto difficoltà. La Champions è molto più corta, se riusciamo a passare con due turni d’anticipo sarà un risultato importante, poi si riprenderà a febbraio e si vedrà, ma si decide sempre sui piccoli dettagli”.

A Dimaro si decise il mercato, oggi cambierebbe qualcosa? “Quello che ho detto sul mercato non lo cambio, stanno facendo tutti bene i nuovi, non è un problema di qualità ma di metterla insieme e trovare continuità. In alcune partite il livello è stato alto e non posso chiedere di più, dobbiamo mantenere quel livello però su più partite e non avere questa discontinuità. Per fortuna in Champions siamo messi bene e speriamo di chiudere i conti”.

Diana Miraglia
Informazioni su Diana Miraglia 2113 Articoli
Giornalista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*