Che vittoria! Il Milan porta bene al Benevento

Il primo storico punto in Serie A è stato conquistato in casa contro il Milan. Sempre contro i rossoneri il Benevento ha ottenuto il primo storico successo lontano dal Vigorito: a quanto pare, il Milan porta bene al Benevento!

Giochi di parole a parte, ieri a San Siro si è assistito ad un momento di grande emozione sportiva. Gli uomini di Gattuso avevano bisogno di punti per conservare il piazzamento in Europa League, che oggi potrebbero perdere; quelli di De Zerbi, invece, dovevano semplicemente vendere cara la pelle.

Ciò che riguarda la disposizione tattica e la classifica oggi è poco rilevante, perché i campani hanno portato a termine una grande impresa: per loro stessi, per la dirigenza e per la città. Questa è una vittoria che resterà nella storia e che ha dimostrato come il gioco del calcio possa regalare ancora qualche emozione.

I tre punti di San Siro devono far felice il presidente Vigorito, che con la campagna acquisti nella sessione di riparazione ha dimostrato di credere veramente nella salvezza. Non è stata anche per lui una stagione facile tra i continui cambiamenti in dirigenza e i problemi di salute di qualche settimana fa. Il portiere sannita Puggioni infatti nelle interviste post-gara gli ha dedicato la vittoria con queste parole: «Il successo è un regalo a Vigorito per la visibilità che ha dato a questa città».

Parole di ringraziamento verso il presidente sono state spese anche dal tecnico De Zerbi, che ha lasciato trapelare non solo la sua soddisfazione ma anche la possibilità di lasciare il Benevento a fine stagione: «Abbiamo un presidente facoltoso e generoso, per me è un orgoglio essere stato qua. Ora parlerò con lui: dobbiamo avere la stessa forza morale e lo stesso entusiasmo per continuare insieme».

Questa è una situazione che verrà sicuramente affrontata più avanti, ora è il momento di esultare per la splendida e straordinaria impresa di ieri.

Lorenzo Gaudiano

Lorenzo Gaudiano
Informazioni su Lorenzo Gaudiano 780 Articoli
Giornalista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*