Ci pensa il capitano tutt’azzurro con un gol capolavoro a rimettere il Napoli in corsa

BESIKTAS – NAPOLI 1 – 1

Pareggiare su quel campo significa che il Napoli ha carattere, coraggio e personalità. La squadra di Sarri è superiore tecnicamente a quella del Besiktas ma l’ostilità ambientale si percepiva nell’aggressività dei turchi che, pure, temevano il Napoli. E infatti, gli azzurri prendono in mano il pallino del gioco e il Besiktas prudentemente pensa a non prenderle dopo essere stato graziato due volte da Giabbiadini e poi da Callejon; poi le solite amnesie di Koulibaly ed anche di Maksimovic fanno tremare Reina. Nella ripresa Sarri rischia di far saltare l’equilibrio raggiunto inserendo Mertens al posto di Gabbiadini che è ancora avvolto dalla nebbia della sua città di nascita: fa buone giocate cercando anche la palla che raramente gli viene passata, poi rientra nella nebbia. Ed anche Maurizio Sarri, nel dopo partita, ha sottolineato la buona prova di Manolo nel primo tempo: “Gli chiedevamo di tirare fuori i centrali, creare spazi perché loro soffrono molto l’attacco alla profondità degli esterni. Ha fatto bene, poi è calato, ma forse è dovuto al fatto che non ha giocato dopo lo spezzone di Crotone. Mi aspetto però una crescita”. Alla fine il Napoli deve razionalmente accettare il punto prezioso che gli consente di guidare con il Benfica il girone B a 7 punti. La prossima sfida,  al San Paolo il 23 novembre contro il la Dinamo Kiev a 1 punto, il Napoli potrebbe finalmente avere la certezza della qualificazione senza attendere la trasferta contro il Benfica.

Comincia la gara e al 2° minuto Gabbiadini riceve da Ghoulam per il primo sussulto. All’11°, ancora Manolo su un lancio di Allan , si coordina e di destro tira, ma Fabri, resta in piedi e blocca. Al 13° altra azione lampo del Napoli con Allan per Hysaj che riesce a crossare per Callejon: lo spagnolo aggancia di destro ma spara alto. Continua il Napoli a costruire ma il Besiktas sembra aver preso le misure, difende meglio e tenta anche qualche incursione con Quaresma e Aboubakar che al 21° , da posizione favorevole, non trova la porta. Qualche minuto dopo, Koulibaly respinge corto per Hutchinson che colpisce il palo esterno. C’è da attendere il 40° per rivedere il Napoli pericoloso: traversone dalla destra di Callejon per Insigne che non impatta bene. All’ultimo minuto un bel lancio per Calletti che si fa anticipare da Fabri.

Si ricomincia e il Napoli vuole vincere imponendo il proprio gioco: al 49° cross di Ghoulam per Gabbiadini che però non sfrutta; due minuti ancora e Callejon riceve da Insigne sulla destra e si trova di fronte a Fabri che gli impedisce di centrare. Buon momento del Napoli che conduce il gioco: bene Ghoulam a sinistra, bene Hamsik che dà ordine e bene Callejon in eterno moto. Esce Gabbiadini e Mertens garantisce maggiore brio ma poco di più. E’ Insigne che al 68° riceve da Ghoulam, e tenta al volo la conclusione di poco alta. Anche al 73° il Napoli potrebbe portarsi in vantaggio con Hamsik che da distanza ravvicinata controlla male e spreca. Ma è al 78° l’episodio  chiave della gara: Aboubakar crossa da destra, o meglio tira sul braccio staccato dal corpo di Maksimovic e Clattenburg fischia il rigore. Quaresma non sbaglia e il Napoli è in svantaggio. Per tre minuti. Ci pensa capitan Hamsik a pareggiare i conti con un sinistro micidiale per Fabri che deve inchinarsi al gol di un fuoriclasse. Al 94° è Insigne, che avrà perduto il suo portafortuna, a non trovare la porta con uno splendido tiro a giro dalla sinistra. Peccato. Ma è un punto d’oro quello conquistato da una squadra che sta rialzandosi con orgoglio. Un cane a sei zampe: via Higuain, Milik spettatore, Albiol stirato, ma si torna a sorridere.

FORMAZIONI

BESIKTAS : Fabri, Beck, Marcel, Rhodolfo, Tosic (23° pt Tosun), Hutchinson, Inler (20 st Ozyakup), Quaresma, Tolgay, Adriano, Aboubakar,

NAPOLI: Reina, Hysaj, Maksimovic, Koulibaly, Ghoulam, Allan ( 36° st Zielinski), Jorginho ( 35° st Diawara) Hamsik, Callejon, Gabbiadini (18° st Mertens)

RETI: 78° Quaresma, 82° Hamsik

AMMONITI: Inler, Jorginho, Tosun

ARBITRO: Clattenburg (Inghilterra)

Diana Miraglia

Diana Miraglia
Informazioni su Diana Miraglia 2060 Articoli
Giornalista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*