È un Napoli vincente, ma anche un cantiere aperto…

Mentre Sarri e i suoi ragazzi hanno iniziato il campionato nel migliore dei modi vincendo brillantemente le prime due partite, la dirigenza del Napoli è già al lavoro per ricostruire la squadra che, comunque vada quest’anno, nel prossimo potrebbe perdere diversi protagonisti. Il patto stipulato a fine stagione scorsa tra calciatori, tecnico e presidente, infatti, prevede la libertà di scelta per alcuni dei protagonisti di chiudere la carriera in un’altra squadra. I nomi degli azzurri che potrebbero accasarsi altrove sono oramai noti, ma è meglio ricordarli: Reina, Maggio, Albiol, Allan, Callejon e Mertens. Con molte probabilità questi calciatori non faranno parte del Napoli del futuro, ma le loro cessioni porterebbero nelle casse del club un tesoretto di oltre 82 milioni di euro da reinvestire nell’acquisto di giovani giocatori, talentuosi e già esperti della serie A. Vediamo quindi come potrebbero essere ridisegnati i reparti del nuovo Napoli, auspicando che a guidarlo sia ancora l’ottimo maestro Sarri:

Difesa: è quasi certo che in porta, almeno come titolare, non ci sarà più Reina. Rulli sembrerebbe essere il candidato numero uno per sostituirlo, ma Giuntoli continua a monitorare anche altri nomi importanti, tra cui Leno, Perin e il giovanissimo Meret. Sulla fascia destra, al posto di Maggio, occorrerà acquistare un valido sostituto di Hysaj, mentre al centro si dovrà sostituire Albiol con un difensore forte ed esperto che garantisca lo stesso rendimento offerto finora dal centrale spagnolo.

Centrocampo: è l’unico reparto in cui non ci sarebbe necessità di intervenire, ma se Allan preferisse andare via per giocare con maggior continuità, Giuntoli parrebbe aver già individuato il sostituto. È di queste ore, infatti, la notizia di un forte interessamento per il giovane talento del Cagliari Barella, che in campo occupa la stessa posizione del centrocampista brasiliano.

Attacco: qualora Callejon decidesse di cambiare aria, magari per ritornare a giocare in Spagna, non sarà un’impresa facile trovare un sostituto con le stesse caratteristiche tecnico-tattiche. Ecco perché De Laurentiis sembra disposto a tutto pur di arrivare a uno tra Chiesa e Berardi, gli unici, secondo Sarri, in grado di sostituire degnamente l’ex Real Madrid. Se poi anche Mertens dovesse trasferirsi altrove, c’è pronto Milik che si riapproprierebbe di quel ruolo di centravanti che, fino a un attimo prima del grave infortunio, aveva ricoperto alla grande. Alle sue spalle, pronto a subentrargli in caso di necessità, ci sarà Inglese, l’acquisto last minute della sessione estiva di calciomercato. Infine, bisognerà pensare a una riserva di Insigne, salvo che non si decida che Ounas possa essere una valida alternativa per entrambi gli esterni alti.

Ecco come potrà cambiare il Napoli nella prossima stagione:

il-napoli-futuro

 

 

Informazioni su Redazione 1597 Articoli
---

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*