Febbre da attesa, le prossime gare potranno dare alcune risposte

Mai come quest’anno è così attesa la sosta invernale per capire il prosieguo del campionato. Ancelotti e De Laurentiis sono in contatto e nessuna decisione, per ora, è stata presa riguardo all’eventuale esonero o dimissioni del tecnico. Molto dipenderà dalla qualificazione agli ottavi di Champions e dalla posizione in classifica dopo Sassuolo-Napoli.
Soltanto allora sarà possibile iniziare una valutazione complessiva sul possibile recupero verso il quarto posto e sul possibile percorso dopo il sorteggio del 16 dicembre.

Innanzitutto si dovrà partire dal mercato, in inverno sempre avaro di sorprese, che quest’anno al contrario dovrà essere impegnativo al di là di possibili partenze: il Napoli non ha un terzino sinistro e Di Lorenzo non deve essere sacrificato sull’altare di un ruolo non suo dove fatica di più, rendendo meno. Mario Rui è stata una casuale scoperta per Maurizio Sarri che lo aveva lasciato arrugginire fin quando, quel maledetto incidente durante Napoli-ManCity, non interruppe la carriera del miglior terzino sinistro in Europa. Mario Rui, con serietà e professionalità ha garantito e garantisce anche oltre le sue forze, ma ha molti limiti.

A centrocampo, Allan, sembra essere diventato il perno attorno al quale gira ogni discorso e, ancor peggio potrebbe essere in partenza con il PSG che è tornato alla carica giocando sul momento di rottura tra Allan e la società: si parla di una proposta di prestito con obbligo di riscatto che potrebbe essere recapitata nelle prossime settimane a De Laurentiis che lo scorso anno aveva rifiutato ogni offerta. Il PSG potrebbe mettere sul piatto un trequartista , tal Julian Draxler, 26 anni, che ha collezionato appena 350 minuti ed ha un ingaggio di 5 milioni.

Ma le “voci di dentro” troppo assordanti alimentano soltanto una destabilizzazione che non fa bene alla società, al mister e anche ai giocatori il cui valore è al ribasso. Gianluca Di Marzio a Sky Sport 24 ha dichiarato: “Il percorso di Ancelotti nel Napoli è destinato a concludersi a fine stagione. Questo ciclo deve però finire a fine campionato e non in corso. Se la situazione dovesse poi precipitare nelle prossime due partite, non escludo che il tecnico possa rischiare il posto. Bisogna capire come reagirà la squadra al ritiro di questi giorni, Ancelotti si è schierato a favore della società andando contro i suoi calciatori.” La filosofia dell’ovvio è praticata un pò ovunque, ma nessuno ha deciso che cosa accadrà tra 15 giorni: Udinese-Napoli e Napoli-Genk faranno capire qualche mossa in più; intanto l’infermeria ha accolto anche Mertens fermato da un attacco influenzato. Che in ritiro arrivi anche qualche benedizione?

Diana Miraglia

Diana Miraglia
Informazioni su Diana Miraglia 2118 Articoli
Giornalista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*