Gli azzurri puntano alla sesta Coppa Nazionale

Il 2018 del Napoli non si è chiuso nel migliore dei modi. Il mese di Dicembre ha difatto visto gli azzurri perdere a Liverpool dovendo così abbandonare la coppa dalle grandi orecchie ed inoltre il Napoli non ha brillato neanche a Cagliari, uscito vittorioso all’ultimo minuto, contro la Spal in casa, vittoria sempre per uno a zero, ed in ultimo contro il Bologna, dove gli azzurri hanno vinto a fatica per 3 a 2 e sempre in extremis grazie al gol di Dries Mertens. Dicembre si porta via anche la sconfitta di Milano contro l’Inter, maturata nel recupero per gli uomini di Spalletti, oltre tutte le polemiche conseguenti all’episodio di razzismo che ha coinvolto Kalidou Koulibaly e la morte di un tifoso nerazzurro, che aveva teso un agguato ai napoletani assieme agli ultras interisti.

Si spera dunque che il 2019 si apra in maniera del tutto diversa e che il Napoli possa tornare a brillare in questo Gennaio. Con il campionato fermo fino al 20 Gennaio, quando sarà la Lazio ospite scomodo al San Paolo, gli azzurri saranno di scena, sempre tra le mura amiche, domenica prossima 13 Gennaio ore 20.45 contro il Sassuolo della vecchia conoscenza De Zerbi, per il match valevole i quarti di finale di Coppa Italia.

Gli uomini di Carletto Ancelotti, con la Champions oramai archiviata e con il campionato che appare quasi chiuso per l’ennesima volta, avranno il dovere di provare ad andare il più lontano possibile nelle altre competizioni come appunto la Coppa nazionale e l’Europa League, che li vedrà protagonisti da Febbraio con i sedicesimi di finale contro lo Zurigo.

La partita contro il Sassuolo presenta certamente delle insidie, ma se il Napoli fa il Napoli non dovrebbe correre troppi rischi per cercare di puntare anche alla vittoria finale del torneo, che porterebbe in azzurro la sesta Coppa Italia della storia. Il Napoli ha già vinto infatti la competizione ben cinque volte: nel 1962, vittoria storica perché il Napoli militava in Serie B ed ancora oggi è l’unica squadra ad esserci riuscita, nel 1976, quando gli azzurri ebbero ragione del Verona in finale, nel 1987 negli anni d’oro ai tempi di Diego, ed in ultimo, nel 2012 nella storica finale contro la Juventus che vide andare in rete Cavani ed Hamsik contro i bianconeri che in tutta la stagione non avevano perso neanche un match e nel 2014 quando a Roma nello Stadio Olimpico, nella sciagurata serata che si aprì con il caso di Ciro Esposito, deceduto poi qualche giorno più tardi, il Napoli si impose sulla Fiorentina per tre reti a una.

 

Marco Boscia

Marco Boscia
Informazioni su Marco Boscia 112 Articoli
Collaboratore

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*