Il dopo Sarri è già iniziato, Ancelotti e Giuntoli per un Napoli vincente

L’uscita di scena di Maurizio Sarri non è da commentare. Tre anni fantastici, con l’amore del pubblico pronto a scagliarsi contro il Presidente e la classe arbitrale: doveva mettere un punto fermo e non l’ha fatto per mero interesse. Non è da commentare. Per i tifosi un’altra cocente delusione, ma imperitura resta la maglia azzurra e quel che verrà.

Carlo Ancelotti è ancora un sussurro, quasi il timore che svanisca un altro sogno. C’è l’annuncio di un cambio di rotta per una firma che verrà tra il Presidente e il tecnico più “top” che esista per iniziare a parlare di progetto partendo dall’ingaggio, per poi analizzare la rosa, il mercato e lo staff tecnico con cui lavorare. Negli uffici della Filmauro sono stati affrontati i temi di massima su cui discutere e l’anticipo dell’incontro previsto per questa mattina, consolida la certezza di una trattativa molto seria e avviata. E infatti, come anche Ciro Venerato ha confermato, l’accordo sarebbe stato siglato con un biennale da 6,5 milioni più l’opzione per il terzo anno in attesa di capire se con o senza clausole rescissorie. Ora, secondo Venerato, Giuntoli ascolterà De Laurentiis “per dare il via alle operazioni di mercato”.

In pratica, il dopo Sarri è già iniziato e i tifosi potranno guardare avanti con fiducia.
Ci saranno ora i soloni che avevano scartato a priori il possibile arrivo a Napoli di Ancelotti, come Alessandro Alciato di Sky : “Difficilmente andrà al Napoli; mi pare di capire che non ci sia nulla. Credo che lui aspetti un progetto con programmazione”. E Bargiggia di Mediaset : “ Ancelotti si allontana da Napoli. Congelato l’incontro per oggi a Milano. Probabile ritorno in Canadà del tecnico se non cambiano gli scenari”. Infine Mario Suma di Milan Tv : “Confermato, Ancelotti no Napoli. L’unica certezza è che Carlo farà il commentatore ai mondiali”.

Una brutta figura di alcuni giornalisti che in assenza di notizie certe contrabbandano un’opinione come tali: invece De Laurentiis ha stupito tutti e dopo 14 anni vuole il suo Napoli una stella protagonista nello scenario europeo.
L’annuncio del twitt presidenziale, intanto, si farà attendere fin quando non sarà chiaro il quadro con Maurizio Sarri che potrebbe approdare allo Zenit in Russia dove è stato invitato per visitare la città e le strutture. Un club, da lui nel passato ritenuto di scarso spessore.
Ciascuno per la propria strada: Giuntoli e De Laurentiis dovranno cominciare a fare l’appello per capire chi se la sente di restare, chi voglia andare in cerca di nuove esperienze. De Laurentiis vorrebbe, d’accordo con Ancelotti, partire dalla difesa centrale (Koulibaly e Albiol) e da Milik servito da Insigne. Poi si capirà se Vidal (31anni) possa rientrare nei piani del progetto rispetto al recupero dopo l’infortunio e rispetto all’ingaggio.
C’è tempo per costruire partendo da queste basi. Il Napoli si prepara al debutto del 19 agosto
Diana Miraglia

Diana Miraglia
Informazioni su Diana Miraglia 2087 Articoli
Giornalista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*