Il Milan si tiene il quarto posto. Frosinone e Bologna hanno riaperto il discorso salvezza

Delle prime otto in classifica soltanto il Napoli non ha vinto, ma la classifica è più che tranquilla.

La Juve è sempre stata lontana. Non c’erano dubbi sulla vittoria al Mapei contro il Sassuolo (0-3: Khedira; Ronaldo; Can), che comunque ha provato a giocarsi la gara. Il gol a porta vuota fallito da Berardi chissà se avrebbe cambiato l’esito della partita. Del resto De Zerbi ha dichiarato in passato che il suo fantasista deve trovare continuità nel gol per essere un calciatore completo.

La lotta per il quarto posto è viva. Il Milan nel posticipo a San Siro non ha avuto problemi con il Cagliari (3-0: aut. Ceppitelli; Paqueta; Piatek). Il piede del centravanti polacco è molto caldo, forse più di quello di Higuain che non ha trascorso insieme al suo maestro sicuramente una buona domenica (sconfitta per 6 a 0 contro il Manchester City). Insieme alle vittorie di Roma e Lazio negli anticipi anche l’Atalanta ha saputo rimontare la Spal e mantenersi in corsa (2-1: Petagna; Ilicic; Zapata). L’ex Petagna ha provato a fermare la corsa degli orobici, ma Zapata ormai è un idolo: fa assist; segna con continuità e gioca a tutto campo con determinazione e cattiveria. Questo è sicuramente il suo anno.

Pareggio per il Bologna di Mihajlovic contro il Genoa (1-1: Destro; Lerager) che fa uscire i felsinei dalla zona retrocessione a discapito dell’Empoli. Il Frosinone espugna Marassi sponda doriana con una rete di Ciofani, rimettendosi in gioco per la salvezza. L’Udinese è nei guai per la sconfitta contro il Torino, decisa da Aina. Il rigore sbagliato di De Paul testimonia la crisi dei bianconeri, che ora rischiano grosso.

Lorenzo Gaudiano

Lorenzo Gaudiano
Informazioni su Lorenzo Gaudiano 932 Articoli
Giornalista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*