Il Napoli a Roma senza il suo pubblico per ritrovare il suo gioco

La parola torna al campo.

Accantonati veleni, polemiche, sospetti, dichiarazioni, opinioni si torna a giocare ripartendo da una gara importante, da un’avversaria temibile, anche lei ferita quando meno se lo aspettava.

Roma – Napoli è il classico derby del sud, quello che una volta vedeva partire da Napoli allegri torpedoni, corredati da bagagli pieni di vivande, ed in qualche caso gruppi di folcloristici tifosi portavano il classico “ciucciariello” con le orecchie tinte di azzurro o coperto da drappi inneggianti ai colori sociali della squadra del cuore.

Altri tempi. Ora si gioca alle 15.00 per motivi di ordine pubblico. I tifosi partenopei resteranno a casa perché non possono seguire la propria squadra. Si sa tra Napoli e Roma la rivalità è particolare. Ha radici profonde ed antiche. Ma se la madre di Ciro Esposito ha saputo perdonare sarebbe giunto il momento di superare un passato pieno di errori per dare vita ad un cambiamento che possa evitare queste misure mortificanti per chi va allo stadio solo per assistere alla partita.

In mezzo a tutto ciò, a valle, c’è il confronto, la partita.

C’è attesa per capire come Sarri voglia tentare di uscire dal momento più complicato da quando è seduto sulla panchina partenopea. Il Napoli ha bisogno di ritrovarsi, di fare quadrato attorno al proprio allenatore per tornare a sorridere e trovare la forza e la voglia di battersi per tutti i 95 minuti, senza pause, evitando le amnesie difensive, troppo frequenti in questa stagione, capitalizzando di più il gioco ed il lavoro degli avanti a cui il tecnico chiede maggiore precisione nella mira.

E’ una partita con tanti significati, gestita da una federazione e da una lega non all’altezza. I poteri forti del calcio italiano restano ancorati a vecchie abitudini, mentre il calcio italiano avrebbe bisogno di grandi cambiamenti per trovare un maggiore equilibrio, un senso di raggiunta normalità. I mezzi di informazione, purtroppo, non sono immuni da colpe che oggi appaiono sotto gli occhi di tutti e che condizionano seriamente l’andamento quotidiano dell’azienda calcio.

Si tratta, comunque, in generale di un complesso di situazioni che andrebbero cambiate per ridare allo sport nazionale una nuova visibilità, un’altro valore.

Nel frattempo per Napoli e per il Napoli il campionato ricomincia da Roma, poi il pensiero si sposterà verso altre direzioni. Forza Napoli.

Giovanni Gaudiano

Giovanni Gaudiano
Informazioni su Giovanni Gaudiano 751 Articoli
Giornalista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*