Il Napoli c’è e ci crede ancora, parola di Marek Hamsik

Napoli, si sa, è la città degli eccessi e delle contraddizioni. Sa essere straordinaria e pacata, e allo stesso tempo surreale ed esagerata. Le cosiddette mezze misure o, se preferite, le sfumature di grigio, a Napoli non esistono. O è tutto bianco o tutto nero, bianconero sicuramente mai… Ma forse è proprio questo che la rende una città unica e coinvolgente, dal fascino ammaliante di cui si parla in tutto il mondo.

Ciò premesso, e visto gli ultimi accadimenti riguardanti il Napoli, enfatizzati ad arte da molti mezzi d’informazione sportivi e non, la domanda da porsi, come amava dire il simpatico e bravo Antonio Lubrano, sorge spontanea: perché, in una realtà come quella appena descritta, dovrebbe essere proprio la squadra di calcio a manifestare un imperturbabile aplomb di stile britannico?

SARRIIl povero Sarri, napoletano di nascita e toscano di adozione, mai avrebbe immaginato che per aver detto la verità e nient’altro che la verità, definendo la Juventus di un’altra categoria, avrebbe potuto scatenare un putiferio come quello cui si sta assistendo in questi giorni. Semplici parole proferite a caldo dopo l’amara sconfitta di Bergamo che, secondo alcuni “maghi” dell’informazione sportiva esperti di lettura del pensiero, nasconderebbero messaggi sublimali indirizzati al Presidente, o addirittura una precoce quanto preoccupante resa nei confronti della Juventus. Ma a chi giova questo gioco al massacro? Perché mettere l’uno contro l’altro, allenatore e Presidente di una squadra che è al secondo posto in classifica e prima nel proprio girone di Champions? Chi è che vuole tentare di sabotare un giocattolo che stava iniziando a girare alla perfezione?

aurelio-de-laurentiis-620x380È questo che si domandano i tifosi napoletani e ai quali la società azzurra ha il dovere di dare una risposta, in campo e soprattutto fuori dal campo. Magari attraverso una conferenza stampa in cui, Sarri e De Laurentiis insieme, dicano apertamente che la squadra è ancora motivatissima e che non temono assolutamente subdole manovre esterne, come i tentativi di sabotaggio elaborati scientificamente da quei media vicini alle dirette avversarie che iniziano ad avere seriamente paura di questo Napoli.

HAMSIKUna risposta ai tifosi l’ha già data oggi Marek Hamsik. Come riporta l’edizione odierna de il Mattino, infatti, il capitano azzurro ha parlato del suo Napoli dal ritiro della nazionale Slovacchia: “C’è il tempo per recuperare il distacco dalla Juve. il Napoli è una squadra forte anche senza Higuain e i risultati lo stanno dimostrando”.

I giocatori, quindi, attraverso le parole del loro capitano ci tengono a far sapere che il gruppo è coeso e convinto più che mai dei propri mezzi. Ora tocca all’allenatore e alla società…

Roberto Rey

 

Roberto Rey
Informazioni su Roberto Rey 788 Articoli
Vignettista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*