Il Napoli pensa al futuro tirando le somme della stagione

Durissima la contestazione e l’aria che si respira a Napoli: gli striscioni contro ADL e la maglietta rigettata a Frosinone a Callejon sono solo gli ultimi eventi di una stagione che non ha mai conquistato la torcida partenopea.

Il Napoli, ad onor del vero, in termini di risultati ha fatto anche meglio della passata stagione, confermando quasi certamente il secondo posto con la certezza della quarta partecipazione consecutiva alla prossima Champions già acquisita e raggiungendo i quarti sia di Coppa Italia che di Europa League dopo aver disputato un ottimo girone di Coppa dei Campioni.
Ma la tifoseria, orfana dello splendore del calcio di Sarri, non si è lasciata ammaliare dal nome di Carlo Ancelotti, chiamato al delicato compito di sostituire il Comandante.
Ma il Napoli si appresta a concludere solo la prima stagione dell’esperienza di Carletto in azzurro e se è vero che contano i risultati allora bisogna avere fiducia perché il Napoli, come pocanzi detto, ne ha raggiunti di migliori anche quest’anno. Il mercato della scorsa stagione estiva ha portato a Napoli giovani interessanti e forti come Meret, Ruiz e lo stesso Younes, che dopo il lungo infortunio si sta riscoprendo utile in questo finale di stagione e che certamente sarà una pedina fondamentale per la prossima. Vero quello invernale è invece stato deludente e ha visto l’addio del capitano Marek Hamsik e di Marko Rog, centrocampisti che non sono stati rimpiazzati, ma bisogna essere fiduciosi per la prossima stagione che porterà certamente nuove pedine allo scacchiere di Ancelotti sperando anche che questa contestazione dei tifosi azzurri sia destinata a terminare il più presto possibile. Il Napoli ha bisogno dei propri sostenitori. 

Marco Boscia

Marco Boscia
Informazioni su Marco Boscia 123 Articoli
Collaboratore

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*