Il Napoli pronto al delicato match di San Siro contro il Milan di Gattuso

Dopo il successo all’ultimo respiro, firmato dalle reti di Milik e Diawara, ottenuto contro il Chievo, il Napoli di Maurizio Sarri si prepara ad affrontare la trasferta del Meazza contro il Milan di Rino Gattuso (domenica, ore 15:00).

I partenopei, tenuti in vita nella corsa per il titolo dagli ultimi incredibili cinque minuti dell’incontro della scorsa settimana, dovranno scendere in campo a Milano cercando a tutti i costi di guadagnare i tre punti, verosimilmente unica maniera per mantenere inalterato il distacco dalla Juventus, impegnata nel non impossibile match interno contro la Sampdoria, in vista dello scontro diretto previsto a Torino tra otto giorni. Hamsik e compagni, infatti, al momento stazionano al secondo posto, a quattro lunghezze dalla capolista, forti di 77 punti, con a referto 24 successi, 5 pareggi e 2 sconfitte (66 reti messe a segno, 21 subite).

I rossoneri di Gattuso, dal canto loro, dopo un avvio di stagione sotto la guida di Montella ben lontano dalle aspettative date da una campagna acquisti estiva faraonica, con l’arrivo di Ringhio in panchina hanno decisamente invertito la rotta, qualificandosi alla finale di Coppa Italia, uscendo a testa alta dall’Europa League sul campo dell’Arsenal, e rimontando posizioni in graduatoria, fino a raggiungere la sesta piazza attuale a quota 52 punti, frutto di 15 vittorie, 7 pareggi e 9 sconfitte, e 43 gol all’attivo e 36 al passivo.

Dal punto di vista tattico il mister toscano, che dovrà fare a meno dello squalificato Mario Rui sull’out di sinistra della difesa, schiererà il suo classico 4-3-3. ormai marchio di fabbrica partenopeo. Tra i pali ci sarà Pepe Reina, il cui futuro sarà proprio tra le fila del club di via Turati, avanti al quale la linea a quattro sarà composta da Christian Maggio a destra, da Hysaj a sinistra, e dalla ricomposta coppia centrale con Raul Albiol e Koulibaly. In mezzo al campo fiducia al solito trio formato dall’italo-brasiliano Jorginho in cabina di regia con Allan e capitan Marek Hamsik nei ruoli di mezzali. In avanti, per concludere, a completare il tridente con le ali Callejon ed Insigne è ancora favorito Dries Mertens, nonostante il momento di forma di Arek Milik, per il quale probabilmente ci saranno minuti nel corso della ripresa.

Per quanto riguarda il Milan, anche Gattuso dovrebbe disporre i suoi con un 4-3-3. In porta ci sarà Gigio Donnarumma, stabiese di nascita ma rossonero di fede, avanti al quale la linea difensiva, orfana dello squalificato Bonucci e dell’infortunato Romagnoli, sarà formata dal giovane Calabria a destra, da Ricardo Rodriguez, in passato accostato anche al Napoli, sulla corsia mancina, e da Zapata e Musacchio al centro. A centrocampo, come al solito, la mediana sarà dotata di grande tecnica con Biglia a guidare il gioco e Kessie e Jack Bonaventura a dare dinamismo ed ampiezza al gioco del Diavolo. In attacco, infine, la fantasia di Suso e Calhanoglu sarà di supporto all’azione di Andrè Silva, che al momento appare favorito nella lotta al ruolo di centravanti titolare rispetto sia a Cutrone che a Nikola Kalinic, tornato al gol contro il Sassuolo sette giorni fa.

Dal ritorno in Serie A degli azzurri nel 2007 sono stati dieci i precedenti tra le due compagini disputati nella Scala del calcio; il bilancio è di 4 successi interni, tra i quali il più eclatante nel punteggio è senza dubbio il 5 a 2 del gennaio 2008, esordio e primo gol italiano per Pato in quell’occasione, 3 pareggi, tra cui l’ultimo risale all’aprile 2013 ( 1 a 1 con gol di Flamini e Pandev), e 3 vittorie degli ospiti, usciti con i tre punti da San Siro nelle ultime due stagioni. E se il successo azzurro dello scorso anno fu senza dubbio sudato per gli uomini di Sarri, impostisi 2 a 1 con le firme sull’incontro di Lorenzo Insigne, Callejon e Kucka, quello di due annate fa ebbe i contorni della partita perfetta, con la squadra azzurra che espugnò il Meazza per 4 a 0, grazie ad una fantastica doppietta di Insigne, sempre sugli scudi a Milano, al gol di Allan ed all’autorete di Rodrigo Ely.

A dirigere la gara sarà il signor Luca Banti di Livorno; con il fischietto toscano sono 31 i precedenti del Napoli, con uno score di 17 successi partenopei, 8 pareggi e 6 sconfitte napoletane.

Bruno Marchionibus

Bruno Marchionibus
Informazioni su Bruno Marchionibus 739 Articoli
Giornalista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*