Il Napoli pronto alla sfida col Verona di Juric

Dopo la sosta per gli impegni delle Nazionali, il Napoli di Carlo Ancelotti si prepara ad affrontare al San Paolo l’Hellas Verona di Ivan Juric, nel match in programma alle ore 18 (Sky Sport) valevole per l’ottava giornata di Serie A.

Gli azzurri, reduci dal doppio 0 a 0 di Genk e di Torino contro i granata, hanno l’obbligo di conquistare i tre punti contro i gialloblù per ridare slancio alla propria classifica e soprattutto al proprio morale, anche in vista del fondamentale impegno Champions di Salisburgo, e per scacciare via le critiche piovute da più parti a seguito delle prestazioni poco brillanti dell’ultimo mese.

Gli scaligeri, dal canto loro, hanno disputato un ottimo avvio di torneo, affrontato da neo-promossa ma con fiducia e carattere. Gli uomini di mister Juric, ex Genoa e Crotone, dove firmò la storica promozione in massima serie, dopo sette uscite stazionano al decimo posto a pari merito con Bologna e Parma a quota 9 punti, frutto di 2 vittorie, 3 pareggi e 2 sconfitte (6 reti messe a segno e 5 subite).

Dal punto di vista tattico, il tecnico emiliano schiererà i suoi con un 4-4-2. Tra i pali ci sarà Alex Meret, avanti al quale la linea difensiva sarà formata da Di Lorenzo, reduce dall’esordio con la nazionale italiana, a destra, da Ghoulam a sinistra e da Manolas e Koulibaly al centro. In mezzo al campo a far coppia con Fabian Ruiz sarà il vincitore del ballottaggio tra Allan e Zielinski, mentre sulle corsie esterne spazio a Josè Callejon ed a capitan Insigne. In avanti, infine, assieme a Dries Mertens il polacco Milik, in rete con la propria nazionale in settimana, pare favorito ad ottenere una maglia da titolare rispetto a Llorente.

Per quanto riguarda i veneti, il mister croato disporrà i suoi uomini con un 3-4-2-1. Avanti al portiere Silvestri, una delle rivleazioni di inizio stagione, la linea a tre sarà composta da Rrahmani, Kumbulla, autore del gol del vantaggio quindici giorni fa contro la Sampdoria, e Gunter. Sulle corsie laterali spazio a Faraoni ed a Lazovic, mentre in mediana a partire dal primo minuto saranno il capitano Miguel Veloso, faro del gioco veronese e pericolo numero uno sui calci piazzati, ed il marocchino ex Feyenoord Amrabat. Sulla trequarti, in conclusione, a supporto del centravanti Stepinski, Pessina e Verre sono leggermente in vantaggio rispetto a Zaccagni e Salcedo per far parte dell’undici titolare.

Le ultime sfide tra Napoli ed Hellas a Fuorigrotta hanno visto una netta supremazia partenopea nei risultati. Due anni fa gli azzurri di Sarri, in piena lotta Scudetto con la Juventus di Allegri, alla prima giornata di ritorno si imposero per 2 a 0 con le reti di Koulibaly e di Callejon, lo stesso spagnolo che, al primo anno dell’allenatore toscano sulla panchina azzurra, aveva partecipato con una gioia personale al tre a zero, siglato anche dalle reti di Gabbiadini e di Insigne su rigore. Vere e proprie goleade, in precedenza, avevano caratterizzato le sfide tra campani e gialloblù nel biennio targato Rafa Benitez: 5 a 1 nel maggio 2014, 6 a 2 tennistico nell’ottobre dello stesso anno.

A dirigere la gara sarà il signor Marco Piccinini di Forlì; il giovane arbitro emiliano è al secondo incrocio con il Napoli dopo il successo per 4 a 1 sul campo del Lecce dello scorso 22 settembre.

 

Bruno Marchionibus

Bruno Marchionibus
Informazioni su Bruno Marchionibus 955 Articoli
Giornalista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*