Il Napoli pronto alla sfida con il Frosinone di Stellone

L'allenatore del Frosinone Roberto Stellone

Dopo la fondamenFROSINONEtale vittoria per 2-1 ottenuta in casa del Torino, il Napoli di Maurizio Sarri si prepara a disputare tra le mura amiche l’ultimo match stagionale contro il Frosinone di Roberto Stellone, in programma per sabato sera (Stadio San Paolo, ore 20:45).

Gli azzurri conquistando i tre punti in casa del Toro hanno centrato l’obiettivo di lasciare la Roma, impegnata domani a San Siro contro il Milan, a distanza di sicurezza di due punti, avendo così la possibilità di guadagnarsi la qualificazione diretta per la prossima Champions League con una vittoria sulla squadra di Stellone (a Napoli da calciatore dal 1999 al 2003). I ciociari, dal canto loro, domenica scorsa con la sconfitta subita per mano del Sassuolo sono matematicamente retrocessi, e pur volendo senza dubbio provare a chiudere con un risultato di prestigio la prima stagione in massima serie, non sembrano poter costituire una concreta minaccia nella strada all’Europa che conta per Higuain e compagni, a patto che questi ultimi scendano in campo con la consapevolezza di dover giocare con il massimo della concentrazione. I canarini in questo campionato hanno ottenuto finora 31 punti, frutto di 8 vittorie, 7 pareggi e 22 sconfitte (35 gol fatti e 72 subiti).

Higuain realizza il rigore a FrosinoneDal punto di vista tattico Stellone dovrebbe schierare i suoi con 4-3-3, e potrebbe concedere spazio a qualcuno degli elementi che nel corso di quest’annata ha avuto un minutaggio ridotto. Tra i pali, dove è fuori causa Bardi, ci sarà Zappino, avanti al quale la linea a quattro sarà formata da Matteo Ciofani a destra, da Pavlovic sulla corsia sinistra, e dai vincitori dei ballottaggi tra Pryima e Russo e tra Ajeti e Blanchard al centro. In mezzo al campo spazio a Sammarco, Gori e ad uno tra Gucher e Paganini, in rete a San Siro due settimane fa. In avanti il tridente dovrebbe essere composto da Dionisi, dal tedesco Kragl e da Daniel Ciofani, con quest’ultimo che si gioca una maglia da titolare con Samuele Longo.

Per quanto riguarda il Napoli mister Sarri schiererà il suo classico 4-3-3; avanti a Reina la linea difensiva vedrà scendere in campo Hysaj sull’out destro, Faouzi Ghoulam a sinistra, e Raul Albiol (potrebbe essere la sua ultima partita in azzurro) e Koulibaly al centro. A centrocampo ancora una volta fiducia al trio che tanto bene ha fatto nel corso della stagione, con Allan, Jorginho e capitan Marek Hamsik. In avanti è ovviamente sicuro del posto il Pipita Higuain, in piena corsa per superare il record di gol in campionato di Nordahl, mentre Callejon e Insigne sembrano favoriti su Mertens per occupare le fasce laterali dell’attacco.

Nonfrosinone-napoli-1a5-gol-gabbiadini ci sono precedenti tra le due compagini al San Paolo in massima serie (l’unico incontro tra partenopei e laziali in Serie A è il 5-1 azzurro al Matusa dello scorso gennaio). Il Napoli ha ospitato il Frosinone a Fuorigrotta due volte; in Serie C1 nel campionato 2005/06, ed in Serie B l’anno seguente. Il 30 aprile 2006 il Napoli già promosso matematicamente in cadetteria pareggiò con i canarini per 1-1, con un eurogol del Pampa Sosa, in quell’occasione con il numero “10” sulle spalle, che scoppiò commosso in lacrime. Nel novembre successivo la sfida, stavolta disputata nel campionato cadetto, terminò con lo stesso risultato, firmato dal rigore di Ciccio Lodi e dal colpo di testa di Mariano Bogliacino.

A dirigere l’incontro sarà il signor Domenico Celi di Bari; con il fischietto pugliese il Napoli ha 19 precedenti, con uno score di 10 vittorie, 4 pareggi e 5 sconfitte.

Bruno Marchionibus

Bruno Marchionibus
Informazioni su Bruno Marchionibus 937 Articoli
Giornalista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*