Il Napoli pronto alla sfida del San Paolo con il Genoa

Hamsik_GenoaNapoli_thumb400x275Dopo il pareggio senza reti di San Siro contro l’Inter, il Napoli di Maurizio Sarri si prepara ad affrontare il Genoa di Davide Ballardini avanti al pubblico del San Paolo, nel posticipo della ventinovesima giornata di campionato (domenica, ore 20:45).

Gli azzurri, che in classifica stazionano al secondo posto a quattro punti di distanza dalla Juve, impegnata questa sera sul campo della S.P.A.L., se vogliono continuare a credere al sogno scudetto hanno l’obbligo da qui a fine stagione di scendere sempre in campo per ottenere i tre punti; al momento Hamsik e compagni registrano uno score di 22 vittorie, 4 pareggi e 2 sconfitte (70 punti totali), con 62 reti messe a segno e 19 subite.

I rossoblù, dal canto loro, dopo un avvio di stagione più che deficitario sotto la guida tecnica di Juric, con Ballardini in panchina hanno migliorato nettamente le proprie prestazioni, issandosi fino alla tredicesima piazza della graduatoria con 30 punti ed un bilancio di 8 successi, 6 pareggi e 13 sconfitte (21 gol fatti e 28 subiti).

Dal punto di vista tattico, il tecnico toscano schiererà i suoi con un classico 4-3-3, ormai marchio di fabbrica partenopeo. Tra i pali ci sarà Pepe Reina, avanti al quale la linea a quattro sarà quella formata da Hysaj a destra, da Mario Rui sulla fascia sinistra e da Raul Albiol con Koulibaly al centro. In mezzo al campo dovrebbe partire titolare, nonostante un lieve affaticamento, Allan, assieme al quale la mediana sarà composta da Jorginho in cabina di regia e da capitan Marek Hamsik. In avanti, infine, spazio al classico tridente leggero con Callejon sull’out destro, Lorenzo Insigne a sinistra e Mertens falso nueve centrale.

Per quanto riguarda il Genoa, Ballardini dovrebbe optare per un prudente 3-5-2. In porta andrà Perin, che avrà a protezione la linea a tre con Biraschi sul centro-destra, Spolli centrale e l’ex Atalanta e Roma Zukanovic sul centro-sinistra. Sulle corsie laterali fiducia a Pedro Pereira a destra ed a Laxalt, in crescita esponenziale nel corso di questa stagione, sul lato opposto; in mezzo le tre maglie da titolare andranno a Lazovic, a Bertolacci ed allo svedese Hiljemark. In attacco, infine, il tandem offensivo del Grifone sarà formato dal grande ex di giornata Goran Pandev, all’ombra del Vesuvio dal 2011 al 2014, ed a Galabinov.

Dal ritorno in Serie A delle due compagini nel 2007 sono stati dieci i precedenti a Fuorigrotta tra le due squadre, protagoniste del più bel gemellaggio d’Italia tra tifoserie, con un bilancio di 6 vittorie partenopee, tra cui il 2 a 0 dello scorso anno firmato da Zielinski e Giaccherini, 2 pareggi, nel 2009/10 e nel 2013/14, e 2 vittorie ospiti, risultato che manca dal febbraio 2009. Il successo più rotondo dei padroni di casa sui liguri è senza dubbio il 6 a 1 della stagione 2011/12, quando ad andare in gol per i napoletani furono Cavani con una doppietta, Marek Hamsik, Pandev, Gargano e Zuniga (gol della bandiera genoano di Jorquera).

A dirigere l’incontro sarà il signor Fabrizio Pasqua di Tivoli, con il quale il Napoli non ha precedenti in campionato, ma solamente uno in Coppa Italia (l’ottavo di finale di questa stagione contro l’Udinese).

Bruno Marchionibus

Bruno Marchionibus
Informazioni su Bruno Marchionibus 953 Articoli
Giornalista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*