Il Napoli pronto alla supersfida del San Paolo contro il PSG di Tuchel

Dopo la vittoria per 5 a 1 di venerdì scorso sull’Empoli, firmata dalla straordinaria tripletta di Dries Mertens, il Napoli di Carlo Ancelotti si prepara ad affrontare il Paris Saint Germain del tecnico tedesco Tuchel per la quarta giornata del Gruppo C di Champions (Stadio San Paolo, martedì ore 21:00).

Gli azzurri, dopo lo striminzito 0 a 0 dell’esordio sul campo della Stella Rossa, si sono resi protagonisti di due memorabili prestazioni, che hanno consentito ad Hamsik e compagni di ribaltare completamente l’inerzia del girone, prima battendo il Liverpool vice-Campione d’Europa in carica per 1 a 0 in casa, e poi pareggiando per 2 a 2 contro i parigini, salvatisi solamente al 92esimo con una prodezza individuale di Angel Di Maria, al PArco dei Principi. Vincere questa sera, per i partenopei, vorrebbe dire mettere una serissima ipoteca sul passaggio del turno, dato che per ottenere il bye per gli ottavi di finale agli uomini di Ancelotti basterebbe poi avere la meglio sulla Stella avanti al pubblico amico nel prossimo turno.

Per i francesi, d’altro canto, vincere sarebbe fondamentale per operare il sorpasso sugli azzurri e, cancellando almeno in parte i deludenti scontri diretti per la qualificazione già disputati contro i campani e contro il Liverpool (sconfitta per 3 a 2 ad Anfield Road), aumentare e non di poco le propie chances di classificarsi anche in questa stagione tra le migliori sedici del Vecchio Continente. Un pareggio, infine, lascerebbe ogni discorso completamente aperto, con la sfida tra PSG e Reds che assumerebbe a quel punto un’importanza fondamentale.

Dal punto di vista tattico, il mister reggiano dovrebbe proporre l’ormai classico, per quantor iguarda la Champions, 3-5-2 mascherato da 4-4-2 in fase difensiva. Tra i pali rientrerà il colombiano Ospina, avanti al quale la linea difensiva vedrà scendere in campo Maksimovic, terzino destro o centrale di destra dei tre a seconda dei momenti, Raul Albiol e Koulibaly. A sinistra ci sarà Mario Rui, mentre sulla corsia destra spazio ovviamente a Josè Callejon, imprescindibile in sfide di questa portata. In mezzo al campo, poi, a partire titolare assieme ad Allan ed a capitan Hamsik ormai leader solitario nella classifica di presenze all-time in maglia azzurra, Fabian Ruiz appare leggermente favorito rispetto a Piotr Zielinski. In avanti, infine, a far coppia con Lorenzo Insigne dovrebbe essere Dries Mertens, per riproporre la coppia che tanto bene ha fatto sia all’andata a Parigi che nell’ultimo turno di campionato contro l’Empoli.

Per quanto riguarda i francesi, tra le cui fila rientrerà in Coppa Gigi Buffon, che ha scontato la squalifica di tre giornate comminatagli nella scorsa stagione a seguito dei fatti di Real Madrid-Juventus, ad essere in dubbio è proprio il grande ex di giornata, il Matador Cavani, a causa di un problema muscolare. Qualora l’uruguaiano, autore di ben 104 gol con il Napoli a cavallo tra il 2010 ed il 2013, il tecnico Tuchel potrebbe schierare un 3-4-2-1 più accorto del 4-3-3 col quale i transalpini avevano sofferto molto in fase difensiva nel match di due settimane fa. Avanti al portiere italiano, così, la linea difensiva sarà formata da Marquinhos, Thiago Silva, assente nel match del Parco dei Principi, e Kehrer. Sulle fasce laterali, poi, agiranno Meunier a destra e l’ex Bayern Monaco a sinistra, mentre i centrocampisti centrali saranno con ogni probabilità Verratti, che a vestire la maglia partenopea fu vicino nell’estate del 2012, e Rabiot. In attacco, infine, a supportare l’azione dei due funamboli Neymar e Mbappè, quest’ultimo serio candidato al Pallone d’Oro, sarà Angel Di Maria, autore, all’andata, del gol che ha tenuto in vita il discorso qualificazione per il PSG.

C’è un solo precedente europeo disputato allo stadio San Paolo tra le due formazioni, ovvero il 2 a 0 in favore dei francesi datato stagione 1992/93. In quell’occasione, nell’incontro valevole per i sedicesimi di finale di Coppa Uefa, il Paris si impose nel match di andata a Fuorigrotta grazie ad una doppietta del fuoriclasse liberiano George Weah, che poi sarebbe stato il Pallone d’Oro non europeo (1995) e grande protagonista degli scudetti del Milan nel ’96 e nel ’99. Al ritorno i partenopei non andarono oltre lo 0 a 0, e così furono i parigini a passare il turno.

A dirigere la sfida sarà il signor Bjorn Kuipers; con il quarantacinquenne fischietto olandese sono due i precedenti degli azzurri, con un bilancio di una vittoria, il 3 a 2 sul Benfica del settembre 2008, siglato da Vitale, dal Tanque Denis e da Christian Maggio, ed una sconfitta, il 3 a 2 in favore del Bayern all’Allianz Arena nella fase a gironi della Champions League 2011/12, quando una doppietta di Federico fernandez non riuscì a consentire ai ragazzi di Mazzarri di tornare dalla Germania con almeno un punto guadagnato.

 

Bruno Marchionibus

Bruno Marchionibus
Informazioni su Bruno Marchionibus 810 Articoli
Giornalista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*