Il Napoli pronto alla trasferta sul campo del Sassuolo di De Zerbi

Dopo la netta vittoria per 3 a 0 ottenuta nell’andata degli ottavi di finale di Europa League contro il Salisburgo, il Napoli di Carlo Ancelotti si prepara a riconcentrarsi sul campionato, a sette giorni dalla sfortunata sconfitta interna contro la Juventus, dove questo pomeriggio  affronterà in trasferta il Sassuolo di Roberto De Zerbi (oggi ore 18:00, Mapei Stadium, Sky Sport).

Gli azzurri, vedendo ormai irraggiungibile il primo posto dei bianconeri ma avendo al contempo un più che discreto margine di vantaggio sul Milan terzo, concentreranno da qui alla fine della stagione, inevitabilmente, le proprie attenzioni in maniera maggiore sul cammino europeo in EL, ma vorranno senza dubbio concludere nel migliore dei modi il campionato, a cominciare dal match di quest’oggi in Emilia.

I neroverdi, che sotto la guida tecnica dell’ex allenatore del Benevento si stanno mostrando squadra in grado di praticare un calcio offensivo e piacevole, grazie al quale dopo ventisei uscite stazionano a centro-classifica (undicesimo posto), ben lontani dalle zone calde della graduatoria, con 31 punti, frutto di 7 successi, 10 pareggi e 9 sconfitte (35 reti segnate, 41 subite).

Dal punto di vista tattico mister Ancelotti proporrà l’ormai classico 4-4-2, nel quale avranno probabilmente spazio alcuni degli elementi che hanno trovato meno spazio nell’ultimo periodo. Tra i pali, squalificato Meret dopo la contestatissima espulsione per fallo da ultimo uomo su CR7, ci sarà il colombiano Ospina, avanti al quale la linea a quattro dovrebbe essere composta da uno tra Malcuit ed Hysaj a destra, con il francese favorito a partire dal primo minuto, da Faouzi Ghoulam a sinistra, e da Maksimovic e Koulibaly, che salteranno il match in Austria di giovedì, al centro. In mezzo al campo, dove riposerà Allan, ad affiancare Diawara sarà il vincitore del ballottaggio tra Zielinski e Fabian Ruiz, mentre sulle corsie laterali dovrebbero avere una chance dall’inizio Ounas e Simone Verdi. In attacco, infine, ballottaggio tra Mertens e Milik per affiancare capitan Insigne.

Per quanto riguarda il Sassuolo, De Zerbi, a Napoli da calciatore nell’anno dell’ultima promozione in Serie A con Edy Reja nel 2006/07, schiererà i suoi con il 4-3-3, marchio di fabbrica emiliano. In porta ci sarà come al solito Consigli; avanti all’ex portiere dell’Atalanta la linea difensiva sarà formata dallo spagnolo Lirola a destra, da Rogerio sull’out opposto e da Ferrari e Peluso al centro. A centrocampo si proverà a recuperare il gioiellino Sensi; se quest’ultimo non dovesse farcela, largo a Duncan assieme a Locatelli ed al capitano Magnanelli. In avanti, per concludere, il tridente vedrà Berardi e Djuricic a supporto dell’azione offensiva di Babacar, favorito rispetto a Matri per ottenere una maglia da titolare.

Dalla prima esperienza del Sassuolo in massima serie nel 2013 sono stati cinque gli incroci tra le due compagini giocati al Mapei Stadium, con un bilancio di una vittoria interna, il 2 a 1 di tre anni fa, alla prima uscita ufficiale di Sarri sulla panchina partenopea, due pareggi, arrivati nelle ultime due stagioni (rispettivamente 2 a 2 e 1 a 1), risultati poi decisivi in negativo per i campani nella corsa alla qualificazione diretta in Champions ed allo Scudetto, e due imposizioni napoletane, ovvero il 2 a 0 del 2013/14, firmato da Blerim Dzemaili e da un gol di Insigne, e l’1 a 0 della stagione successiva, siglato da Callejon.

A dirigere la gara sarà il signor Gianluca Manganiello di Pinerolo; con il fischietto piemontese sono due i precedenti dei partenopei, con uno score di due successi.

 

Bruno Marchionibus

Bruno Marchionibus
Informazioni su Bruno Marchionibus 908 Articoli
Giornalista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*