Il Napoli saluta il 2016 con la sfida alla Fiorentina di Paulo Sousa

Dopo il pirotecnico succFIORENTINAesso casalingo per 5 a 3 sul Torino, gli azzurri di Maurizio Sarri si preparano ad affrontare l’ultimo turno del 2016 all’Artemio Franchi di Firenze, dove incontreranno la Viola di Paulo Sousa (giovedì, ore 20:45).

I partenopei scenderanno in campo per concludere in bellezza il fin qui perfetto mese di dicembre, che in quattro partite disputate tra campionato e Champions ha regalato al Napoli 4 vittorie e tanto spettacolo, con le vittorie su Inter, Benfica, Cagliari e Torino. Qualora ottenessero i tre punti al Franchi, tra l’altro, i ragazzi di Sarri darebbero ulteriore vigore alla rincorsa verso le primissime posizioni della classifica.

I toscani, dal canto loro, vorranno riscattare avanti ai propri tifosi le recenti sconfitte con Genoa (nel recupero della terza giornata) e Lazio (nel posticipo di domenica scorsa). Fin qui la stagione della Viola è stata altalenante, con Borja Valero e compagni che al momento stazionano all’ottavo posto della graduatoria, frutto di 7 successi, 5 pareggi e 5 sconfitte con 25 gol fatti e 21 subiti.

Dal punto di vista tattico mister Sarri schiererà i suoi con il classico 4-3-3. Avanti a Pepe Reina la linea a quattro sarà composta da Hysaj a destra, da Faouzi Ghoulam sulla corsia sinistra e da Raul Albiol e Chiriches al centro. In mezzo al campo sarà confermato Piotr Zielinski, sugli scudi nelle ultime giornate; insieme a lui ci saranno ovviamente capitan Marek Hamsik ed il vincitore del ballottagio tra Jorginho, tornato sui livelli della passata stagione contro Cagliari e Torino, e Diawara. In avanti confermatissimo il tridente con Callejon a destra, Lorenzo Insigne a sinistra, e Dries Mertens, autore di una prestazione da dieci in pagella contro il Toro, posizionato al centro come falso nueve.

Soccer: Serie A; Napoli-FiorentinaPer quanto riguarda la Fiorentina, Sousa dovrebbe affidarsi ad un 3-4-2-1. Tra i pali ci sarà Tatarusanu, avanti al quale le tre maglie da titolari della difesa andranno a Salcedo, che sostituirà l’acciaccato Tomovic, a Gonzalo Rodriguez, al rientro, ed a Davide Astori, che nell’estate 2015 fu vicinissimo al trasferimento all’ombra del Vesuvio. Sui laterali i dubbi per l’allenatore portoghese; a destra si giocano il posto Tello e Federico Chiesa, figlio d’arte di Enrico, mentre a sinistra il ballottaggio è tra Milic ed Olivera. In mediana, invece, largo a Badelj e Vecino. Sulla trequarti, al fianco di Bernardeschi, Ilicic è favorito su Zarate a partire dal primo minuto a supporto della prima punta Kalinic, anche lui accostato al Napoli in passato.

jorginho-fiorentina-450x300Dal ritorno in Serie A degli azzurri sono stati nove gli incontri a Firenze tra Viola e partenopei, con un bilancio di due vittorie della Fiorentina (nel 2007/08 e nel 2008/09), tre pareggi, tra cui l’1 a 1 del febbraio scorso firmato dalle reti di Marcos Alonso e Higuain, e l’1 a 1 dell’agosto 2010, quando Edinson Cavani trovò la sua prima rete in campionato con la maglia azzurra, e ben quattro successi partenopei. Da ricordare in particolar modo per i supporters napoletani l’1 a 0 dell’ottobre 2009, quando Christian Maggio regalò i tre punti alla banda di Mazzarri rimediando ad un rigore fallito da Fabio Quagliarella, ed il 3 a 0 del febbraio 2012, con marcature di Cavani (2) e del Pocho Lavezzi. Da segnalare che il Napoli è imbattuto nel capoluogo tosscano da sette stagioni.

A dirigere la gara sarà il signor Paolo Tagliavento di Terni; fu proprio il fischietto umbro a dirigere la sfida tra Fiorentina e Napoli del Franchi lo scorso anno.

Bruno Marchionibus

Bruno Marchionibus
Informazioni su Bruno Marchionibus 952 Articoli
Giornalista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*