Importanti modifiche al regolamento in vigore nel prossimo campionato

Lo scorso 2 marzo si è riunito ad Aberdeen, in Scozia, l’IFAB cioè l’International Football Association Board. In quell’occasione sono state approvate una serie di importanti modifiche al regolamento che entreranno in vigore nel prossimo campionato di Serie A. Trattasi di diversi e importanti variazioni che potrebbero significare anche un cambiamento epocale per quello che concerne il calcio giocato “moderno”.

LA BARRIERA
Quando una squadra batte un calcio di punizione diretto, i suoi componenti non potranno disturbare la barriera e do-vranno posizionarsi ad almeno un metro di distanza dalla barriera stessa, in qualsiasi direzione.

IL FALLO DI MANO
Saranno tre i parametri per valutare il fallo di mano: movimento, distanza e posizione del braccio. Se il braccio su cui impatta la palla sarà troppo staccato dal resto del corpo, allora verrà assegnata la punizione oppure il rigore se l’infrazione avviene in area di rigore. In questo modo sarà più uniforme e coerente il giudizio in merito alle irregolarità di gioco, riducendo al massimo i margini di discrezionalità (e di errore) degli arbitri. Volontario o involontario? Non farà più differenze. Il principio che determina tale regola è il fatto che nel gioco del calcio non si può toccare il pallone con la mano o con il braccio per interrompere un’azione avversaria o per segnare. Anche se l’intervento dovesse esse-re palesemente fortuito verrà comunque considerato falloso e l’arbitro potrà estrarre il cartellino in caso di ge-sto antisportivo.

MAI PIÙ PALLE «SCODELLATE» NELLE AZIONI INTERROTTE NON A CAUSA DELL’ARBITRO
Nel caso in cui fosse necessaria la palla a due a causa di un infortunio o per altre interruzioni anomale, l’arbitro darà la sfera a chi deve giocarla e l’avversario dovrà tenersi a una distanza di quattro metri.

IL RIGORE
La squadra beneficiaria del rigore potrà fare una rapida valutazione sul tiratore prima di procedere alla conclusione dal dischetto. Il portiere sarà obbligato a tenere un solo piede sulla linea. Il Var però potrà intervenire e far ripetere il rigo-re (in caso di parata) se il portiere, al momento del tiro, non ha almeno un piede sulla linea.

LA RIMESSA DAL FONDO
I difensori potranno ricevere il pallone anche in area, fermo restando però che gli attaccanti avversari potranno en-trarvi soltanto dopo il primo tocco del portiere.

IL CALCIO D’INIZIO
La squadra che vince il sorteggio iniziale potrà scegliere se giocare il pallone o il campo, mentre in precedenza si sceglieva solamente il campo.

AMMONIZIONI ED ESPULSIONI AD ALLENATORI
Gli arbitri dovranno mostrare, anche ad allenatori e dirigenti in panchina, prima il cartellino giallo e poi quello rosso. Una volta espulsi scatterà la squalifica per la gara successiva. Fino alla scorsa stagione la squalifica, dopo l’allontanamento del tecnico, non era sempre automatica.

ESULTANZA DOPO UN GOL
Come da regolamento, anche nel caso in cui un giocatore si togliesse la maglia (o esultasse in maniera scorretta) dopo avere realizzato un gol annullato successivamente dal VAR, scatterà ugualmente l’ammonizione (o l’espulsione nel caso il giocatore fosse già stato ammonito).

VANTAGGIO
La squadra beneficiante di un calcio di punizione potrà batterlo subito, anche senza aspettare l’eventuale ammonizione al giocatore avversario. L’arbitro provvederà successivamente a mostrare il cartellino giallo al giocatore che ha com-messo il fallo.

ARBITRO NON PIÙ NEUTRALE
La vecchia regola prevedeva che se la palla sbatteva sull’arbitro si continuava a giocare. Da adesso non sarà più così: nel caso in cui il tocco dell’arbitro favorisca un assist o addirittura un gol, il gioco sarà ripreso con una palla a due (op-pure con la palla al portiere nel caso in cui il tocco del direttore di gara avvenga nell’area di rigore).

LA «SVIRGOLATA» ANNULLA IL RETROPASSAGGIO
Se il portiere, giocando con i piedi su un retropassaggio, “svirgola” palesemente la sfera, potrà prenderla con le mani senza subire alcuna sanzione.

BOBO

Informazioni su Redazione 1490 Articoli
---

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*