Juventus Napoli 2-1, la pagella degli azzurri

Reina – 6: incolpevole sui due gol incassati. Poco impegnato dagli attaccanti bianconeri svolge un lavoro di ordinaria amministrazione. Esce con tempestività in un paio di occasioni e rischia un pericolosissimo dribbling in piena area di rigore contro Mandzukic.

Hysaj – 6: limita bene la pericolosità di Alex Sandro, ma per farlo è costretto a tenersi piuttosto basso. In ripresa rispetto alle prestazioni precedenti.

Chiriches – 6,5: contro i forti attaccanti della Juventus, ai quali concede poco o nulla, conferma l’ottima prestazione offerta contro l’Empoli e dimostra di avere tutte le carte in regola per giocarsi un posto da titolare. Professionista esemplare.

Koulibaly – 6,5: gioca una buona gara facendo spesso valere la propria fisicità. Sempre presente quando c’è da liberare l’area. Sembra che la sciocchezza commessa contro la Roma gli abbia insegnato qualcosa.

Ghoulam – 5: ha gravi responsabilità su entrambi i gol della Juve. Sul primo cicca la palla col suo piede preferito servendo un assist perfetto a Bonucci che fulmina Reina. Sul secondo interviene male su Khedira, anticipando Koulibily, servendo palla in piena area di rigore a Higuain che segna il gol del raddoppio.

Allan – 6: disputa una discreta partita recuperando una marea di palloni e fraseggiando bene con i compagni di reparto. L’unico errore lo commette quando si lascia sfuggire Higuain in area, in occasione del secondo gol (Dal 76° Zielinski: sv).

Diawara – 7: gioca una gran bella partita evidenziando notevoli qualità tecniche e, nonostante la sua giovane età, anche una grandissima personalità. Recupera palloni su palloni e non sbaglia un solo appoggio. Il migliore in campo per gli azzurri.

Hamsik – 6: non è il solito Hamsik ma, finché ce la fa fisicamente, disputa una partita ordinata giocando in una posizione che dà più copertura alla squadra (Dall’82° El Kaddouri – sv).

Callejon – 6,5: prova spesso a sorprendere la difesa avversaria con i suoi soliti tagli ma riceve una sola palla importante, da Insigne, e la mette dentro alla sua maniera diventando il capocannoniere del Napoli con 7 gol, lo stesso numero di reti segnate da Higuain…

Mertens – 6: per un piccoletto come lui non è facile superare la granitica difesa juventina, ma è da apprezzare la determinazione che ci mette in ogni azione. Va in pressing su tutti i difensori e crea alcune azioni pericolose sulle fasce, mettendo palla al centro ma non trovando nessun compagno pronto.

Insigne – 6: partita iniziata malissimo sbagliando, tra dribbling e passaggi, ben 7 giocate consecutive. Capendo che forse non è il caso di strafare, comincia a giocare semplice e fa vedere alcune cose buone, come l’assist perfetto servito a Callejon in occasione del gol del pareggio che gli vale almeno mezzo voto in più (dal 61° Giaccherini – 5,5: gioca poco più di mezzora senza riuscire a incidere sulla partita).

Sarri – 6,5: prepara benissimo la partita ed è coraggioso nel ridare fiducia al giovane Diawara e a Chiriches che lo ripagano con un’ottima prestazione. Unico neo, forse, è la sostituzione affrettata di Insigne con Giaccherini. Il Napoli perde, immeritatamente, allo Stadium dal quale a testa alta, ma dà comunque l’impressine di credere fortemente nelle proprie forze. Convinzione sicuramente rafforzata dalla bella prestazione di ieri sera che fa ben sperare per la prossima partita di Champions.

Roberto Rey

Roberto Rey
Informazioni su Roberto Rey 788 Articoli
Vignettista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*