Juventus vicina allo Scudetto. La Roma non avvicina il Napoli. Verona quasi in B

Meno cinque alla fine del campionato. Verdetti matematici ancora non ce ne sono, anche se la situazione appare oramai delineata per i due poli della classifica: la Juventus con nove punti di vantaggio sul Napoli ha messo un’ipoteca sulla conquista dello Scudetto, mentre il Verona può dire addio alle speranze di salvezza e cominciare a meditare e programmare la prossima stagione in Serie B.

La Vecchia Signora ha demolito dinanzi al proprio pubblico anche il Palermo, protagonista dell’ennesima rivoluzione in panchina con il ritorno di Ballardini. I bianconeri hanno saputo gestire nel primo tempo il vantaggio, confermando l’ormai abituale solidità difensiva frutto non solo di organizzazione tattica ma anche di buona fortuna. I rosanero avrebbero potuto pareggiare, anche se nella ripresa probabilmente non avrebbero più retto, trasformandosi in bestia da macello. L’ambiente adesso scotta, la serie cadetta è vicina e le contendenti vincono ed avanzano in classifica. Se proprio bisogna accusare qualcuno, quello deve essere Zamparini, un presidente che amministra una squadra di calcio in preda ai suoi sbalzi d’umore peggiori di quelli che una donna subisce in periodo di mestruazioni.

521828252-U202182049561dw-U150269417904S9B-620x349@Gazzetta-Web_articoloLa Roma se l’è vista davvero brutta. Andare in vantaggio di due reti e subire un rimontone di quel genere scotta molto, soprattutto se a risolvere la situazione è un certo capitan Totti, vittima di un maltrattamento da parte della società in cui si è trovato coinvolto anche il tecnico Spalletti. Il capitano ha fatto la storia della Roma, l’ha aiutata e sostenuta nei momenti difficili senza mai abbandonarla e desiderare una nuova avventura con un nuovo club. Trattare “Er Pupone” come un problema e sentire certi tifosi che vorrebbero disfarsene perché ormai ha fatto il suo tempo non si può accettare, né tantomeno sentire. Se Totti nei confronti della squadra si comporta sempre con professionalità e da vero tifoso, si son presi la loro personale rivincita D’Alessandro e Borriello, i marcatori bergamaschi che hanno confezionato questo bel pacchetto regalo ai giallorossi, perché la chance di accorciare sul Napoli è sfumata e il fiato sul collo dell’Inter che ha bisogno della Champions League è tornato a farsi sentire. Una parentesi sul Napoli: la squadra di Sarri non riesce proprio in trasferta contro le grandi squadre a farsi sentire. I numeri delle ultime partite parlano chiaro: troppi pochi punti negli ultimi incontri lontano dal San Paolo e nove reti subite in 10 turni. Dalla sconfitta allo Juventus Stadium qualcosa non ha più funzionato come prima, ma ciò non cancella quello che di buono il Napoli ha fatto finora. Il secondo posto si può portare a casa, basta semplicemente volerlo e non perdersi troppo in chiacchiere e polemiche.

Per la salvezza le cose si sono fatte davvero interessanti. Il Carpi, battendo in casa il Genoa, si è portato al quartultimo posto con il Frosinone che, vittorioso a Verona, mantiene il passo. Saranno loro probabilmente a giocarsela fino alla fine, anche se quelle che le precedono in classifica hanno bisogno di qualche altro punto per vivere sonni tranquilli.

Pareggio a reti bianche tra Udinese e Chievo che ottengono un punto prezioso per la classifica. Il Bologna non è riuscita ad uscire dalla crisi anche in questo turno, perdendo contro il Torino in casa per un calcio di rigore subito nei minuti finali del match.

acerbi-consigli-7797074662Fiorentina, Lazio e Milan continuano la loro marcia verso gli obiettivi finali. I viola sono tornati al successo contro il Sassuolo, partita in cui non si può non menzionare il clamoroso autogol messo a segno dal portiere emiliano Consigli capace di sbagliare un passaggio ad un compagno finendo per insaccare la palla nella propria porta. La Lazio di Simone Inzaghi vince anche contro l’Empoli, mantenendosi a quattro punti dal sesto posto che in caso di sconfitta del Milan in Coppa Italia contro la Juventus significherebbe Europa League. L’esordio sulla panchina rossonera di Brocchi si è concluso con una vittoria a Marassi contro la Samp siglata dal solito Bacca.

Lorenzo Gaudiano

Lorenzo Gaudiano
Informazioni su Lorenzo Gaudiano 987 Articoli
Giornalista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*