La Nazionale affronta l’Uruguay per migliorare il suo ranking

italiasan-marino_1098618650x438-jpg_997313609Un’amichevole di lusso contro i maestri uruguagi. Stasera all’Allianz Riviera di Nizza (ore 20,45) la nazionale di Ventura incontrerà una rattoppata “celeste” di Tabarez.

Mancherà Edinson Cavani alle prese con un infortunio muscolare, sarà nella sua Napoli a ritirare il premio Football Leader per le sue prestazioni e le sue qualità da bomber internazionale.

El Maestro pare dovrà fare a meno anche di Suarez, ma l’Uruguay è una squadra da prendere comunque con le molle.

I maestri della sponda orientale del Rio de la Plata, che dovrebbero schierarsi con un 4-2-3-1, non fanno differenza quando giocano un’amichevole e quindi l’impegno e l’agonismo non mancheranno.

Giampiero Ventura farà una prova generale per la gara di qualificazione ai mondiali, non particolarmente impegnativa, di domenica sera al Friuli quando gli azzurri se la vedranno con il Liechtenstein.

Gli esperimenti del ct sono sicuramente orientati verso la gara spartiacque di inizio settembre quando la nazionale si giocherà in Spagna la testa del girone e la conseguente qualificazione diretta a Russia 2018.

In sostanza l’Italia scenderà in campo con un offensivo 4-2-4 dove il blocco difensivo dovrebbe essere quello juventino con l’aggiunta di Darmian e con l’avvicendamento tra i pali di Buffon che sarà sostituito da Gigio Donnarumma. In mezzo al campo, indisponibile Verratti, dovrebbero giocare De Rossi e Marchisio, mentre in attacco gli esterni con compiti di copertura dovrebbero essere Candreva ed Insigne a sostegno delle due punte Belotti ed Immobile.

L’assetto della squadra è di fatto quello che Ventura predilige in questo momento e dovrebbe essere anche quello con il quale si giocherà in Spagna.

La serie degli infortunati è in questo momento lunga, per settembre il ct potrebbe recuperare qualcuno da poter schierare anche in un modulo con qualche variazione.

Non sarà, quindi, la solita vetrina, la gara di prestigio tra due grandi scuole del calcio mondiale. C’è da recuperare qualche posizione nel ranking per evitare che il sorteggio degli eventuali playoff ci opponga ad un’altra seconda di prima fascia.

La partita servirà anche a confermare la crescita tecnica e di personalità di molti azzurri tra cui sicuramente il napoletano Lorenzo Insigne.

Giovanni Gaudiano

Giovanni Gaudiano
Informazioni su Giovanni Gaudiano 751 Articoli
Giornalista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*