LA PARTITA PERFETTA

Contro il Trabzonspor il Napoli ha gestito il gioco senza alzare i ritmi ma costruendo tante azioni gol.

Il Napoli è agli ottavi di finale di Europa League giocando con autorità, rischiando nulla senza strafare. Perfetta, una gara perfetta che ha consentito a Benitez di rivedere Inler e Jorginho a centrocampo; che ha consentito a Rafael di riscattarsi; a Mertens e a Callejon di segnare. “L’idea – ha dichiarato Benitez – era di giocare bene e vincere”. E il Napoli ha giocato bene ed ha vinto: il risultato è molto avaro rispetto alle molteplici occasioni costruite ma soprattutto Callejon mostra troppa frenesia e non riesce ad essere lucido sotto rete. Comunque, quella con il Trabzonspor è stato un allenamento intenso che ha consentito al Napoli di schierare otto giocatori diversi da quelli che hanno giocato contro il Sassuolo: in pratica , come nei grandi club europei, la società azzurra dispone di 25 titolarissimi che rappresentano il Napoli 1 e il Napoli 2, tanto che Benitez non parla di turnover, ma di rotazione. Era questo l’obiettivo principale nel progetto Napoli di Mister Coppa che può oggi giocare contemporaneamente su tre tavoli e parlare sempre più spesso di costruire anche per l’avvenire. La vittoria contro il Trabzonspor non era scontata perché al Napoli mai è riuscita l’impresa facile: qualcosa è cambiato nella consapevolezza ed anche nel volere sempre di più. Con questa vittoria si migliora il ranking e nel 18° rapporto Fotball Money League, il club azzurro, col fatturato più alto, si colloca al 16° posto scavalcando l’Inter. Più passa il tempo, più il club di De Laurentiis si colloca tra le realtà da oscar per l’equilibrio tra il rendimento tecnico e il fair play finanziario. Ora c’è da conoscere l’avversario che il Napoli dovrà incontrare il prossimo 12 marzo (col ritorno il 19), nel frattempo il magnifico Torino che ha sconfitto il Bilbao, poi la Lazio per la Coppa Italia, l’Inter e il Verona: senza un attimo di tregua.

Diana Miraglia

Diana Miraglia
Informazioni su Diana Miraglia 2036 Articoli
Giornalista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*