LA SERIE A CHE CI ASPETTA

Iachini

 

Bisoli
Bisoli
Sarri
Sarri
Iachini
Iachini

Diamo un’occhiata alle neopromosse: Palermo, Empoli, Cesena. Non cambierà di molto la geografia della Serie A 2014/15 rispetto a quella della scorsa stagione. Se l’ultimo campionato infatti ha visto retrocedere una siciliana, una toscana ed una squadra dell’Emilia-Romagna (Catania, Livorno e Bologna), il prossimo vedrà come new-entry tre compagini delle stesse regioni: Palermo, Empoli e Cesena. Per i rosanero si tratta di un ritorno nella massima serie dopo solo un anno di purgatorio. Il fumantino presidente Zamparini per l’annata che verrà ha messo da parte, almeno per il momento, i suoi classici colpi di teatro ed ha confermato alla guida tecnica dei suoi Beppe Iachini, autore di una cavalcata trionfale verso la promozione. Il Palermo, infatti, già nel corso del torneo cadetto ha dimostrato di avere un’ossatura di squadra di categoria superiore che, se puntellata con i colpi di mercato giusti potrà riportare al Barbera l’entusiasmo degli anni passati, quando i siciliani annoveravano tra le proprie fila giocatori del calibro di Sirigu, Balzaretti, Nocerino, Amauri, Miccoli, Cavani, Pastore e tanti altri. Sarà di nuovo in Serie A dopo 5 anni di assenza anche l’Empoli, società che storicamente ha sempre dato fiducia ai giovani, lanciando elementi che poi sarebbero diventati simboli del calcio italiano (su tutti Montella e Di Natale, cresciuti nel vivaio azzurro, ma anche altri calciatori destinati poi ad un’ottima carriera come Ciccio Lodi), o prendendo in prestito promesse dalle big per valorizzarli ( Marchisio e Giovinco, ad esempio, hanno mosso i primi passi nel massimo campionato proprio in Toscana). L’allenatore sarà ancora Maurizio Sarri, condottiero degli empolesi anche nella promozione ottenuta lo scorso maggio. Infine, torna tra le venti regine del calcio italiano il Cesena, che mancava dal 2012. I romagnoli, trionfatori nella finale dei play-off contro il Latina, hanno confermato mister Bisoli, che già aveva portato i bianconeri in Serie A nel 2010; in quel caso, però, l’allenatore aveva lasciato il suo posto in panchina subito dopo la promozione. Sarà sulla sua grinta, e sulla voglia di ripetere il campionato 2010/11, in cui il Cesena fu una delle rivelazioni del torneo, che la neo-promossa punterà per raggiungere la salvezza.

Bruno Marchionibus

 

Bruno Marchionibus
Informazioni su Bruno Marchionibus 937 Articoli
Giornalista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*