Lavoro di squadra per i rinnovi dei contratti, ultimo quello di Albiol, intanto i tifosi disertano il San Paolo in attesa di un Presidente Tifoso

Aurelio De Laurentiis guarda al futuro e diventa sempre più imprenditore dell’Azienda Napoli; in quest’ottica va vista la posizione assunta nei confronti dell’allenatore; in quest’ottica la decisione di disertare il San Paolo in attesa del salotto bomboniera; in quest’ottica il viaggio in Cina per instaurare un rapporto commerciale di merchandising; in quest’ottica i rinnovi dei contratti di Koulibaly e Albiol entrambi annunciati dal tweet del Presidente.

Per il senegalese classe’91, a lungo richiesto dal Chelsea con un’offerta di 50 milioni, è previsto il prolungamento fino al 2021 con un sostanzioso ritocco: dagli 800mila euro a 2 milioni più molti bonus all’interno, senza la clausola rescissoria.

Per Albiol, classe ’85, è stato siglato l’accordo fino al 2020 e con un ingaggio stabilito a 2 milioni a stagione a scalare con bonus relativi a prestazioni personali e obiettivi di squadra. Inoltre per il 31enne ex Real che sarebbe finito a parametro zero, è prevista una clausola rescissoria fissata sugli 8 milioni, sicché il passaggio al Valencia nella prossima stagione è più che ragionevole.

“Un altro colpo messo a segno dal trio De Laurentiis, Chiavelli, Giuntoli” – ha scritto il Presidente – quasi a rimarcare che le decisioni societarie sono frutto di un lavoro di squadra.

E il lavoro di squadra ha in programma il rinnovo di Hysaj la prossima settimana; poi sarà il turno di Ghoulam, infine di Mertens. Per Insigne, diversamente,resta una data da destinarsi.

Avanti così per un Napoli sempre più competitivo, di prospettiva che gioca il miglior calcio in Italia e che da sette anni è presente in Europa a pieno titolo da essere tra le prime venti squadre nel ranking europeo: eppure è fuggito il pubblico. Il tifoso diserta lo stadio aspettando magari il big math e snobbando le piccole-medie in un atteggiamento ipercritico che si è instaurato sin dalla partenza del n.9. E tra errori di comunicazione, conferenze stampa al veleno con selezione di giornalisti, replica da superuomo ai torti arbitrali, scarsa vicinanza alla squadra….è la somma che fa il totale e ai tifosi piacerebbe un Presidente Tifoso.

Diana Miraglia

Diana Miraglia
Informazioni su Diana Miraglia 2082 Articoli
Giornalista

1 Commento

  1. egregia diana. noi tifosi ci accontenteremmo di “un presidente”, anche non tifoso. ma almeno meno guitto e volgare. i rinnovi ??? così potranno essere venduti tra due-tre anni a prezzi maggiori. i tifosi non vanno allo stadio ? a quei prezzi andare a vedere la partita nello scomodissimo stadio s.paolo è da folli. il tifo per la maglia è senza se e senza ma, però intravvedere almeno uno straccio di progetto aiuterebbe. il presidentissimo è in cina ? spero ci rimanga.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*