Le dubbie decisioni arbitrali di Milan e Parma e la vittoria del Toro sul Genoa. Sassuolo ed Udinese non si fanno del male. Farias riacciuffa il Frosinone

Carlo Ancelotti ha ragione quando sostiene che un primo bilancio sulla classifica lo si potrà avere soltanto al termine del girone d’andata. Soltanto la Juve sta dimostrando di essere dentro e fuori dal campo più forte di tutte le altre italiane.

Dall’incolore arbitraggio di Orsato nella gara di ieri tra Juve e Fiorentina si è passato oggi agli errori di Calvarese in Milan-Parma. Gli ospiti con il gol di Inglese momentaneamente erano davanti ai rossoneri in classifica ma l’arbitro con due mosse ha cambiato la partita. In giro si legge di decisioni giuste, ma due riflessioni vanno fatte: Calhanoglu con la sua presenza veramente non disturba Sepe sul tiro di Cutrone? Il fallo di mano di Bastoni è davvero volontario, pure se si considera che Cutrone stesso abbassa la testa sul cross ed il pallone inevitabilmente finisce sulle braccia del difensore gialloblù? Kessié ha deciso la partita ed ora il Milan è quarto.

Sassuolo ed Udinese non si sono fatte del male. I neroverdi non vincono al Mapei dal 21 settembre, i friulani sono al secondo risultato utile della gestione Nicola. Pareggio con gol, invece, tra Frosinone e Cagliari (1-1: Cassata e Farias).

Il Toro ha la meglio sul Grifone (2-1: Kouamé, Ansaldi e rig. Belotti). In dieci uomini per un’ingenua espulsione di Romulo nel primo tempo, gli ospiti hanno provato comunque a vincerla ma il doppio gol subito alla fine del primo tempo ha rovinato i piani. La squadra di Mazzarri adesso è in zona Europa League mentre la crisi di risultati di quella di Juric è ancora più evidente. E’ stato giusto esonerare Ballardini?

Lorenzo Gaudiano

Lorenzo Gaudiano
Informazioni su Lorenzo Gaudiano 896 Articoli
Giornalista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*