Le pagelle di Napoli-Atalanta

Il Napoli continua a non vincere e per la decima gara consecutiva la difesa viene affondata come il burro.
Peccato perché il match è gradevole e gli azzurri dopo essere andati in vantaggio costruiscono tante palle gol ma non riescono a chiudere il match arrivando poco lucidi sotto la porta avversaria. È così che un’Atalanta cinica e spietata ribalta il risultato e conquista i 3 punti al San Paolo agganciando il Milan al quarto posto in classifica.
Fra i migliori del Napoli certamente il solito Kalidou Koulibaly che si merita un 6.5 per essere stato più volte determinante nel chiudere il diretto avversario Duvan Zapata, che è riuscito poi comunque a trovare la via del gol. Brilla anche Josè Callejon (6.5) che agisce più centralmente rispetto al solito e che risulta costantemente una spina nel fianco per gli avversari. Milik (6) ce la mette tutta a cercare il gol ma non riesce a trovarlo: bravissimo a liberarsi degli avversari ed a cercare il tiro, ma al momento decisivo non trova il gol sia per sfortuna che per poca attenzione. Mertens (7) risulta tra i migliori e per tutta la durata del match mette in difficoltà la retroguardia avversaria oltre a trovare in maniera fortunosa il gol del vantaggio. Viene poi sostituito anzitempo in luogo di Younes.
Fra i peggiori da sottolineare le prestazioni di Ospina, Ruiz ed Hysaj (5.5). Impreciso il primo e non sicuro in più di un intervento, subisce due gol sui quali poteva e doveva fare molto di più. Il secondo non brilla più come nella prima parte di stagione ed ancora una volta risulta precipitoso ed impreciso nei passaggi decisivi per i propri compagni di squadra. Il terzo non demerita nella prima parte di gara, ma poi con l’ingresso in campo di Ilicic va completamente nel pallone e si fa superare in occasione di entrambi i gol atalantini.
5.5 anche per Carlo Ancelotti che nel giorno che solo un anno fa regalava agli azzurri la conquista di Torino, sembra non riuscire più ad infondere fiducia ai suoi. La sensazione è che dovrà lavorare tantissimo sulla testa dei giocatori e che dovrà pretendere un Napoli a sua immagine e somiglianza nel prossimo mercato estivo, se gli azzurri vogliono tornare a lottare per un titolo fino alla fine della stagione.
Marco Boscia
Marco Boscia
Informazioni su Marco Boscia 156 Articoli
Collaboratore

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*