L’Inter spegne 110 anni candeline

 

Domenica 11 marzo il Napoli di Maurizio Sarri va in trasferta a Milano per affrontare l’Inter di Luciano Spalletti, che negli ultimi tre mesi è riuscita a vincere soltanto due volte, contro il Bologna e contro il Benevento. Entrambe le vittorie sono arrivate tra le mura amiche, e la trasferta a San Siro è da sempre una delle più insidiose. Bisognerà quindi che gli undici azzurri giochino con la giusta cattiveria per riuscire a vincere a Milano e tornare a casa con i tre punti.

Non sarà facile perché l’Inter lotta per guadagnarsi un posto in Coppa dei Campioni per la prossima stagione;  non sarà facile perché, in campo dopo settimane di stop, tornerà il bomber nerazzurro Mauro Icardi;  non sarà facile perché il clima sarà quello di festa; già perché l’Fc Internazionale spegne ben 110 candeline. Nata infatti il 9 marzo del 1908, nel corso dei suoi 110 anni di esistenza, l’Inter ha conseguito la vittoria di 39 titoli ufficiali, terzo club italiano per numero di successi dietro la Juventus e il Milan. Ad oggi risulta anche essere l’unica compagine italiana ad essere riuscita nell’impresa del “triplete”, ovvero la vittoria contemporanea di campionato, Coppa nazionale e Champions League nell’arco di una stagione.
Fino a qualche giorno fa, si pensava che nella partita casalinga contro il Napoli, l’Inter scendesse in campo con una maglietta celebrativa per i 110 anni di storia, ma non sarà così. Icardi e compagni infatti scenderanno in campo con una divisa classica corredata da una patch pensata proprio per questa particolare occasione. Lo stemma, come si vede dall’immagine, presenta la croce rossa e bianca di Sant’Ambrogio, patrono della città di Milano. In alto troviamo la scritta “centodieci inter”, in mezzo lo stemma del club ed ai due lati le date 1908 – 2018.
Tanti auguri quindi alla società nerazzurra, e che domenica vinca il migliore, sperando che a fine partita i colori da celebrare siano il bianco e l’azzurro.

Marco Boscia

Informazioni su Redazione 1241 Articoli
---

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*