Luigi Necco: signorilità, competenza e maestria

Il mondo dell’informazione e della cultura napoletana perde un altro pezzo della sua storia recente: nella notte è venuto a mancare Luigi Necco.

imageSarebbe difficile enunciare tutte le varie attività del giornalista-scrittore-conduttore-inviat. Riesce invece più facile, anche se un po’ limitativo, parlare della sua partecipazione alla fortunata trasmissione 90° minuto.

In quella fervida stagione televisiva della Rai prevaleva la qualità, la varietà e l’originalità degli interventi, preparati in un batti baleno, subito dopo la fine delle partite, con mezzi molto limitati rispetto a quelli attuali.

Luigi Necco, in questa sua attività, si può dire sia stato un maestro, termine oggi inflazionato, perché fu capace di inventare uno stile, un modo di descrivere l’evento fuori dal coro e lo stesso Paolo Valenti, storico conduttore della trasmissione, alla fine dell’intervento da Napoli ritornava in video con un sorriso dettato dalle parole e dalle trovate del simpatico, competente ed ironico collega che ne inventava ogni volta una delle sue.

I suoi interventi sono rimasti storici, come evidente appariva la sua fede azzurra ed il suo attaccamento ad una città per la quale avrebbe voluto il meglio in tutti i campi.

Gli avrebbe fatto piacere, magari, andarsene sapendo che il suo Napoli si laureasse ancora una volta campione d’Italia.

L’undici azzurro da stamattina ha un impegno in più da assolvere: quello di battersi fino in fondo per regalare ancora un sorriso a Necco e immaginare che ancora una volta le sue dita possano indicare quel tre che gli piaceva agitare dopo l’ennesima e rotonda vittoria del suo Napoli.

Giovanni Gaudiano

 

Giovanni Gaudiano
Informazioni su Giovanni Gaudiano 688 Articoli
Giornalista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*