Maurizio Sarri alla Juve? Per ora c’è la finale di Europa League

“Non conosco la situazione relativamente a fan e media. I primi, probabilmente, sono influenzati da questi ultimi”.

“Voglio restare qui. Voglio continuare a lavorare con questo gruppo. La nostra stagione è buona, tra una settimana può diventare meravigliosa”.

“Nessun contatto con altri club. Il mio futuro è mercoledì. Voglio vincere perché sono convinto che questa squadra si meriti un trofeo, per tutte le difficoltà che ha affrontato e superato.”

Maurizio Sarri ha liquidato così le voci che lo vogliono prossimo tecnico della Juventus: guarda soltanto al  29 maggio, quando il Chelsea, mai veramente “suo”, sfiderà l’Arsenal di Unai Emery. Prende tempo, è noto: intanto sia la Roma che guarda anche a Gasperini, sia il Milan con il sogno Champions, ma soprattutto la Juve attendono la conclusione delle doppie finali europee per  tirare le reti. Inzaghi sembra essere la “donna dello schermo” in attesa che la Juve possa fiondarsi su nomi di prestigio come Klopp o proprio Sarri. E il mondo dei sarristi è in rivolta fino ad affermare -come riporta Il Mattino – che c’è chi spera che Sarri accetti l’offerta bianconera per sabotare una macchina perfetta dall’interno (“Maurizio entrerà per rovinarla”). Per ora si parla di ipotesi che già possono tuttavia adombrare quel lungo momento in cui Napoli era diventata capitale della Bellezza del Calcio. In un’intervista al Mattino, Maurizio De Giovanni, creatore dei “bastardi” ha detto:    “Vedere Sarri alla guida della Juve sarebbe una dolorosa presa d’atto che purtroppo non esiste alcuna forma di emotività e di sentimento all’interno di questo mondo. In Sarri ho riconosciuto una bandiera più dell’anti-juventinità che del tifo del Napoli. È sempre stato un tipo antipadronale. Ha sempre lottato contro il potere costituito”.

In poche parole, “non voglio crederci”. Ma se Sarri, da ragioniere, professionista, accettasse di guidare la Juventus, chiederebbe di portare con sé anche il Pipita che ora come ora è un peso cui dare un valore. Sarebbe un bel ritorno in Italia  per due personaggi che hanno guadagnato a Napoli emozioni che nessun ingaggio può dare o essere quantificato. Forse non accadrà; forse Maurizio Sarri rispetterà l’etica che ha sempre chiesto agli altri; forse trascorrerà notti insonni prima di rifiutare l’offerta – se fosse vera – ; ma se un giorno dovesse venire a Napoli da avversario con il suo pupillo in campo….

Diana Miraglia

Diana Miraglia
Informazioni su Diana Miraglia 2111 Articoli
Giornalista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*