Menù azzurro per Sampdoria Napoli

Domenica prossima il Napoli sarà di scena a Genova per giocare contro la Sampdoria di Montella. Una ghiotta occasione per assaggiare una prelibatezza della tradizione culinaria ligure: le crespelle al pesto.

Con il loro fresco profumo di basilico e la cremosità della besciamella, è un piatto tipico della cucina genovese cui non si può resistere.

Ingredienti per 4 crespelle:

100 gr. di pesto
150 gr. di fagiolini
1 patata di media grandezza
olio d’oliva
parmigiano grattugiato q.b.

Per le crespelle:

1 uovo intero
3 cucchiai di farina
200 ml di latte
1 pizzico di sale
olio d’oliva

Per la besciamella:

250 ml di latte
15 gr. di burro
1 cucchiaio di farina
sale

Preparazione:

Per preparare le crespelle, sbattere  l’uovo con una frusta, aggiungere la farina, il sale e infine il latte, e lasciar riposare il tutto almeno 30 minuti.
Per la besciamella, sciogliere sul fuoco il burro, aggiungere la farina, mescolare e infine unire il latte e un po’ di sale. Cuocere a fuoco lento, mescolando sempre e, quando la salsa sarà addensata, spegnere e lasciar raffreddare.
Ora riprendere la preparazione per formare le crespelle. Ungere quindi la padella apposita, porla sul fuoco e quando è calda versare con un mestolino un po’ del liquido facendolo scorrere velocemente in tutta la padella. Quando si stacca dal fondo, girare dall’altra parte per qualche secondo e poi farla scivolare in un piatto. Proseguire quindi fino ad esaurimento dell’impasto. Mescolare il pesto alla besciamella preparata e cospargere le crespelle, mettere sopra i fagiolini bolliti e la patata anch’essa bollita e tagliata a quadretti, facendo in questo modo degli strati oppure chiudere ciascuna crespella e poi piegarla ancora per formare dei triangoli o dei cilindri. Ungere con olio d’oliva una teglia e adagiare le crespelle, spolverando con parmigiano grattugiato. Mettere in forno a gratinare.

Maria Rosaria Pugliese

 

Maria Rosaria Pugliese
Informazioni su Maria Rosaria Pugliese 158 Articoli
Collaboratrice

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*