Mercato in uscita, non soltanto Zapata e Pavoletti, ma anche Zuniga e De Guzman

 

meretDopo il rinnovo di Mertens, sembrava che Cristiano Giuntoli, quest’anno, potesse affrontare un mercato più facile di quanto non lo sia stato negli ultimi anni; invece con il caso Reina è tutto fermo pur avendo il ds individuato le figure giuste per rinforzare un gruppo già forte e, soprattutto collaudato. Così tra i portieri si aggiorna la lista che pone Meret in pole position se Reina dovesse accettare di restare titolare anche quest’anno; altre ipotesi come Leno o lo stesso Szczesny qualora Reina scegliesse la Premier e Donnarumma la Juventus : in ogni caso si parla di un’operazione di almeno 20 milioni di euro.

Per i rinforzi in attacco, Giuntoli è a buon punto nella trattativa con il giovane spagnolo Alejandro Berenguer dell’Osasuna, classe ’95 che ha una clausola di 9 milioni e il giovane algerino Adam Ounas del Bordeaux, classe ’96 il cui cartellino è fisso sui 12 milioni.

Ma se le idee sono chiare per il mercato in entrata non è chiaro quanto il Napoli potrà incassare dagli esuberi della rosa. Duvan Zapata è il primo della lista e il Napoli tende ad ottenere una cifra vicina ai 25 milioni rispetto ad un mercato europeo disposto a pagarne 15; c’è poi Leonardo Pavoletti che da gennaio ha potuto godersi il panorama di Napoli con magnifiche escursioni tranne che sul prato verde del San Paolo: il Napoli intende cederlo per 15 milioni ma l’attaccante potrebbe rientrare nella trattativa con il Torino che attende i 21 milioni di riscatto per Maksimovic.
Per Tonelli e Chiriches dovrebbe arrivare la riconferma come ha chiesto Maurizio Sarri, a meno di “indecenti” offerte.

zuniga18giugnoResta invece pesante la catena di altri nomi, primi tra i quali Jonathan De Guzman e Camilo Zuniga arrivato a Napoli nel campionato 2009/10 ed ottenendo, ad ottobre 2013, un ingaggio da top player da spendere in panchina o in prestito. Anche quest’anno è tornato alla base senza gloria da quel Watford che ha licenziato anche Walter Mazzarri: ed ora, per l’ultimo anno, occorre sistemare un classe ’85 con un ingaggio altissimo cui il Napoli ha sempre contribuito.
deguzman18Non diversa è la situazione di De Guzman per il quale non ci sono reali richieste se non un timido interessamento del Feyenoord, dove iniziò da professionista nel 2005. Dunque, la cessione di Zuniga e De Guzman appare urgente ancor più della definizione del caso Reina o dell’acquisto di Berenguer, considerando che gli stipendi del colombiano e dell’olandese arrivano a gravare per una spesa complessiva di 10,5 di euro lordi sul bilancio del club.

Diana Miraglia

Diana Miraglia
Informazioni su Diana Miraglia 1502 Articoli
Giornalista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*