NAPOLI CALCIO FEMMINILE E MASCHILE RITIRA DUE SQUADRE GIOVANILI

Il dg, Italo Palmieri.

La persistente inagibilità dello stadio Collana ha costretto la società a ritirare due formazioni.

Nonostante le difficoltà, l’Under 17 femminile ha conquistato ieri la Coppa Campania.

La persistente inagibilità dello stadio Collana ha costretto il Napoli Calcio Femminile e Maschile a ritirare due formazioni dai campionati giovanili. Si tratta delle squadre Esordienti e Mini Allievi maschili, che non parteciperanno più ai rispettivi campionati per l’impossibilità di avere a disposizione un campo dove allenarsi e giocare le partite interne. Una situazione che si è verificata anche per altre formazioni maschili e femminili, che si stanno allenando in diversi campi della città, compresa la prima squadra, che per le gare interne di campionato è costretta a scegliere un campo diverso ogni volta in base alla disponibilità del campo Denza di Posillipo o di quello di Bacoli. Nonostante queste enormi difficoltà, la formazione Under 17 femminile, allenata da Nino Catalano, ieri ha conquistato un prestigioso successo, vincendo la Coppa Campania di categoria battendo in finale la Virtus 2-0, con reti di Fratagnoli e Giuliano.

“Abbiamo dovuto prendere una decisione molto sofferta ma inevitabile – spiega il dg, Italo Palmieri -. Sono passati tre mesi e ancora non abbiamo avuto la possibilità di svolgere tutta l’attività della nostra società nello stadio Collana, per il mancato funzionamento dell’impianto di illuminazione, che impedisce l’utilizzo del campo nelle ore serali, e per l’inagibilità di una parte degli spogliatoi, quegli stessi  che noi, tre anni fa, ristrutturammo permettendone la riapertura dopo anni di abbandono e che alcuni cavilli burocratici oggi ne impediscono l’utilizzo. È un peccato perché abbiamo dovuto rinunciare a far giocare centinaia di ragazzini, anche se le difficoltà non ci hanno impedito di continuare a ottenere successi sul campo, a conferma del valore del nostro progetto sportivo e sociale. Auspichiamo che quanto prima si possa giungere a una soluzione dei problemi della struttura vomerese, perché è un patrimonio che viene sottratto in primis ai tanti ragazzi che vogliono praticare sport in quel quartiere. Abbiamo sollecitato da settimane Regione e Comune a trovare una soluzione che sarebbe a portata di mano, con la sola applicazione del buon senso, e che tra l’altro non sarebbe dispendiosa per gli enti. Speriamo che quanto prima si possa giungere a una soluzione, perché come al solito a pagare sono i giovani che vogliono fare sport pulito”.

Informazioni su Redazione 1515 Articoli
---

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*