Napoli è il manifesto della gioia collettiva, segna cinque gol e si diverte

CAGLIARI  –  NAPOLI  0  –  5

Al Sardegna Arena grande spettacolo del Napoli per i tifosi del Cagliari. Serata indimenticabile per l’11 azzurro che risponde sul campo a polemiche e provocazioni. Con 5 gol, il Napoli mette a tacere tutti e centra il 10° successo consecutivo restando l’indiscussa capolista a + 1 (virtuale) sulla Juventus. La mini-fuga con un +4 sull’inseguitrice non inganna Sarri che ironicamente dice : “Se gliela fanno recuperare, non cambia nulla”. Resta con i piedi ben saldi il tecnico che a 69 punti sa che si avvia verso “una terra sconosciuta”, quello dei 100 punti. E’ un Napoli che incanta come l’Olanda che fu, ed è un Napoli tanto diverso da quello che vinse i due scudetti. Gianfranco Zola, protagonista del secondo titolo, ha dichiarato: “ Nel Napoli di allora c’era ‘Un’ solista; il Napoli di oggi è un’orchestra con Sarri nelle vesti di Muti”. E contro il Cagliari ha meritato applausi a scena aperta e non tanto per le 5 reti che potevano essere 7, quanto per il gioco espresso mai sterile e altamente spettacolare. Comincia subito il Napoli a creare buone combinazioni in velocità, ma il Cagliari non ‘scansa’ il Napoli e cerca di affondare i colpi ben arginati da Reina. Al 15° Mertens viene platealmente trattenuto in area ma Giacomelli sorvola; il Napoli allora continua a martellare fino al gol di Callejon che apre la strada a Mertens e poi, nel secondo tempo, ad Hamsik, a Insigne e a Mario Rui. Una vittoria autorevole che può trascurare anche un arbitraggio mediocre che ha consentito un gioco duro subito in particolare da Callejon, da Mario Rui (ad opera di Barella già ammonito) e da Zielinski. La Juve a Cagliari vinse per 1-0 ma non fu visto il braccio di Bernardeschi a fermare un cross di Padoin.

Nel primo tempo il Cagliari fa subito capire che giocherà duro: fallaccio di Han su Mario Rui; e allora inizia a suonare l’orchestra con Callejon servito da Insigne; poi Mertens che calcia senza convinzione. Prova a rispondere Pavoletti servito da Faragò, ma Reina blocca; e ancora Pavoletti, al 9° su cross di Han trova Reina attentissimo. Al 15° Mertens calcia fuori da due passi ma subito dopo, in area, viene trattenuto platealmente da Lykogiannis che gli impedisce l’ultimo tiro. VAR? Assente, nessuno vede, (Doveri) nessuno chiama (Marrazzo). Si prosegue e al 18° Han si presenta al cospetto di Reina che lo anticipa respingendo: sul pallone si avventa Pavoletti che spara alto. Al 28° il gol del vantaggio: Allan ruba palla a Padoin, vola sulla destra fino alla linea di fondo, vede arrivare Callejon in posizione quasi centrale e gli dà la palla che lo spagnolo scarica nell’angolino lontano. E’ l’1-0 che spiana la strada al Napoli verso un palleggio meno assillante ma anche pericoloso con tanti falli cattivi come quello di Faragò, Barella e Joao Pedro e sul finire del tempo arriva anche il 2-0 : Hysaj dalla destra centra un pallone teso e Mertens allunga la punta e tocca sotto porta. E’ gol? Silent check del Var dice che è tutto regolare. Si va al riposo con due gol di vantaggio, qualche ammaccatura e un rigore negato.

Nel secondo tempo Il Cagliari si nasconde e Callejon viene anticipato d’un soffio per il terzo gol; prova ancora lo spagnolo, chiuso da Castan. Solo Napoli in campo e al 61° strepitoso gol n. 99 di Marek Hamsik. Azione ubriacante con Insigne che scarica dentro per il capitano che prova non tanto di potenza quanto di geometria e insacca alle spalle di un giovanissimo portiere che voleva fare un favore alla Juventus. Sono tre i gol incassati e non è finita. Al 71° il 4° gol arriva da un calcio di rigore fischiato da Giacomelli per una ‘parata’ in area di Castan su tiro di Insigne. Sul dischetto proprio Insigne (che ha ringraziato Jorginho ) che trova il primo gol del 2018. Al 75° Mario Rui, servito da Insigne, conclude a lato di poco, così pure Callejon all’80° vicinissimo al 5-0 che arriverà al 90° su punizione calciata alla perfezione da Mario Rui. Giacomelli fischia al 90° senza concedere recupero mentre i sardi cantano “Noi non siamo napoletani”.

FORMAZIONI

CAGLIARI : Cragno, Romagna, Castan, Ceppitelli Faragò, Padoin (59° Ionita), Barella (77° Deiola), Lykogiannis, Joao Pedro, Han (62° Cassu), Pavoletti

NAPOLI : Reina, Hysaj (73° Maggio), Albiol, Koulibaly, Mario Rui, Hamsik, Jorginho (75° Diawara), Allan, Insigne, Mertens (64° Zielinski), Callejon

RETI: 28° Callejon, 42° Mertens, 61° Hamsik, 72° Insigne (rig.), 90° Mario Rui

AMMONITI : Koulibaly, Barella

ARBITRO : Giacomelli (Trieste)

Diana Miraglia

Diana Miraglia
Informazioni su Diana Miraglia 2004 Articoli
Giornalista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*