Non svegliamoci adesso

 

La rabbia è tanta, le parole sono poche. È questo il clima in questa domenica di pasqua, piange il cielo su Napoli. Gli azzurri sul campo del Sassuolo non vanno oltre l’uno a uno, sfortunati sì, con tante occasioni sprecate e quel legno in rovesciata colpito da Milik a pochi minuti dal termine che grida ancora vendetta. Vince invece la Juventus imponendosi in casa per 3 a 1 contro il Milan. Napoli sognava di risvegliarsi al primo posto, il turno poteva essere favorevole, e invece succede che gli azzurri tornano a meno quattro a sole otto giornate dal termine.
Il cammino verso il successo finale appare in questo momento una montagna troppo alta da scalare, quasi insormontabile, ma Napoli non vuole mollare.
Forse stamattina ci siamo definitivamente svegliati un pò tutti da un sogno che sapevamo fin dall’inizio fosse irrealizzabile. Ma nulla dovrà cancellare un’annata che comunque andrà sarà nella storia. Onore agli azzurri che stanno riuscendo a tenere vivo un campionato morto da anni, onore ai tifosi che in casa o fuori sono sempre sugli spalti.
Comunque vada sognare, aver sognato, e continuare a sperare in qualcosa di “impossibile” e la cosa più bella che c’è.
Il cielo oggi è grigio, ma magari domani sarà azzurro come il Napoli e come Napoli, che non vuole svegliarsi e che nonostante tutto vuole continuare a sognare.

Marco Boscia

Informazioni su Redazione 1577 Articoli
---

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*