‘O QUATTO ‘E MAGGIO

Il quattro di maggio, ovvero il giorno dei traslochi, ‘o sfratto ‘e casa, a Napoli. A stabilire la data per evitare caos e problemi fu addirittura un viceré: don Pedro de Castro che nel 1611 fissò nel 4 di maggio il giorno destinato al trasloco. Anche perché la data coincideva con una delle tre scadenza annuali: 4 gennaio, 4 maggio e 4 settembre, in cui veniva pagato ‘o pesone, l’affitto, al proprietario, ‘o patrone ‘e casa. Quell’appuntamento, che per anni fu fisso per i napoletani, venne anche ricordato in una bellissima canzone di Armando Gill “‘O quatto ‘e maggio”: “core fatte curaggio, sta vita è nu passaggio, facimmoncillo chistu quatto ‘e maggio, che ce penzammo a ffà, si ‘o munno accussì va?
Carlo Avvisati

Carlo Avvisati
Informazioni su Carlo Avvisati 51 Articoli
Giornalista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*