One City, One Club, One Passion, si ricomincia a casa

Con la Fiorentina e la Juventus solo un anticipo di campionato con tutte le squadre ancora in rodaggio. Sette gol fatti e sette subiti dal Napoli sono stati sufficienti a creare un mare di polemiche con suggerimenti non richiesti da parte di ex allenatori o procuratori in cerca di visibilità. E anche i social hanno fatto la loro parte “dando i numeri” mentre Ancelotti è alle prese con infortuni e rientri dei giocatori dalle Nazionali. In 22 giorni sette partite che diranno quale percorso potrà fare il Napoli. Si comincia sabato alle 18 già conoscendo il risultato di Fiorentina-Juventus che si giocherà alle 15, per ragioni “di stato”.

Non è sfuggito infatti il calendario ‘mirato’ della Juventus che giocherà sabato alle 15 la prima di una serie di gare nella fascia pomeridiana per una scelta strategica precisa. Calcio e Finanza sottolinea come l’obiettivo del club sia quello di aumentare la propria visibilità in Oriente, puntando a far crescere e ad espandere il proprio brand in Asia. Una scelta da attuare attraverso quindi anche l’orario delle partite: le 15 italiane rappresentano infatti la prima serata tra Indonesia (20) e Cina (21), mercati dove la Juventus punta a crescere così che giocherà contro la Fiorentina, contro Spal (28 settembre), il Lecce (26 ottobre), l’ Atalanta (23 novembre) l’ Udinese (15 dicembre), oltre al match alle 12.30 del 1° dicembre allo Stadium con il Sassuolo. E’ superfluo chiedersi se sia la FIGC a decidere o il Club di Agnelli.

Ma finalmente si darà spazio al calcio giocato e la Juventus, prima a scendere in campo per la terza giornata di campionato, potrà dimostrare al tecnico della Viola che Bonucci non è un simulatore come Mertens, pur se una ricerca su internet concede ampio spazio a molteplici episodi sempre uguali, nei quali il giocatore bianconero-o capitano della Nazionale, va giù tramortito da una qualche manata immaginata. Non potrà invece simulare Giorgio Chiellini, infortunato, che pure ha dato tante dimostrazioni di saper indurre in errore l’arbitro.

E’ iniziata comunque l’appassionante sfida su due tavoli, se non tre, tra la Juventus che giocherà prima del Napoli sino alla 6^ giornata e anche l’Inter, ritenuta dagli addetti ai lavori, lo scorso anno come anche quest’anno, la vera anti-Juve.
Il tifo è caldo e gli appassionati partenopei entreranno per la prima volta nell’azzurro del San Paolo credendo in One City, One Club, One Passion.

Diana Miraglia

Diana Miraglia
Informazioni su Diana Miraglia 2036 Articoli
Giornalista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*