Osservazioni (semiserie) su Napoli-Stella Rossa

– Sempre insidiose queste squadre balcaniche: per poter sorprendere gli avversari non si sa mai cosa hanno in Serbo…

– Non so se ho o’fridd n’cuoll più per la temperatura o per questo tentativo di colpo di tacco di Mertens…

“Vir o’Marek quant’è bello, spira tanto sentimento”

– Intanto a Parigi questa partenza a razzo del PSG più inopportuna delle pubblicità sui medicinali per combattere emorroidi e fastidiosi pruriti intimi mandate in onda ad ora di pranzo e cena…

– Dopo due minuti problema per Ospina, dopo ventidue per Albiol. Se stesso andando a Liverpool ci fermassimo una mezza giornata a Lourdes, secondo me, non sarebbe una cattiva idea…

– Comunque la differenza tra la Stella Rossa in casa ed in trasferta è più o meno quella che passa tra una fashion blogger prima e dopo Photoshop…

– Dite a Di Maio che per fare bella figura in Europa, in fondo, basterebbe arruolare Dries Mertens nella squadra di Governo…

– “Stella Rossa” is for boys, “Crvena Zvezda” is for men…

– Ormai Mertens è per Napoli quello che Superman è per Metropolis. E pare che prima delle partite, infatti, il belga non si cambi nello spogliatoio ma in una cabina telefonica…

– Mario Rui impreciso, affrettato nelle scelte e confusionario a Sinistra: praticamente l’identikit perfetto per candidarsi alle primarie del PD…

– Difensore, centrocampista o attaccante a seconda delle esigenze: Josè Callejon, in pratica, è l’esplicazione terrena del concetto di Trinità…

– A quanto emerso da recenti studi storici parrebbe che Leonida, prima della battaglia delle Termopili, si rivolse così ai suoi Trecento: << Combattete come Allan >>…

– Scontri diretti, classifica avulsa e differenza reti per capire chi passerebbe in caso di arrivo a pari punti: devo dire che non ero così in difficoltà con la matematica dai tempi della temutissima seconda prova all’esame di Maturità…

 

Bruno Marchionibus

Bruno Marchionibus
Informazioni su Bruno Marchionibus 937 Articoli
Giornalista

1 Commento

  1. Gran primo tempo. Dopo il gol subito è subentrata come una strana paura ed il Napoli non ha più giocato. Chi sperando campa…disperato muore. Andiamo solo per fare risultato senza sperare niente. Non aggiungo altro.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*