Partita decisiva per gli azzurrini, che questa sera sfidano il Belgio

 

L’Europeo Under 21 propone questa sera due incontri decisivi per accedere alle semifinali del 27 giugno: una partita decisiva per gli azzurrini di mister Di Biagio che vorrebbero agguantare quel trofeo che manca da 15 anni. Alle 21 si giocheranno in contemporanea Spagna-Polonia e Italia – Belgio.

La sconfitta rimediata dall’Italia contro la Polonia ha complicato non poco il percorso verso le semifinali dovendo considerare che staccano il pass le vincitrici dei tre gironi, più la miglior seconda: al momento la classifica del gruppo dice Polonia 6 punti, Italia e Spagna 3, Belgio 0.
L’Italia di Di Biagio incontrerà dunque, questa sera al Mapei Stadium di Reggio Emilia, il Belgio già eliminato ma non per questo meno pericoloso. A disposizione degli azzurrini un solo risultato a disposizione, ovvero la vittoria che la porterebbe a 6 punti ma anche la speranza che la Spagna sconfigga la Polonia ma con massimo 2 gol di scarto per chiudere il girone al 1° posto perché, regolamento alla mano, il criterio scelto dalla UEFA è la differenza reti solamente per le partite giocate tra le squadre in questione, seguito dal maggior numero di gol segnati nelle medesime partite e quindi dalla differenza reti totale.

Per Di Biagio non sarà facile scegliere l’11 titolare con Zaniolo out per squalifica e Orsolini infortunato per una sublussazione alla spalla. Dovrà quindi attingere nel reparto avanzato tra Kean, Cutrone, Chiesa e Bonazzoli ma molti indizi fanno pensare alla formazione ‘tipo’ con il 4-3-3: Meret; Calabresi, G. Mancini, A. Bastoni, Dimarco; Barella, Mandragora, Pellegrini; F. Chiesa, Cutrone, Kean.

Una partita decisiva che dovrà essere affrontata senza calcoli, come ha dichiarato anche Nicolò Barella : “Purtroppo non siamo più padroni del nostro destino. Dovremo forse essere meno bravi e più uomini, queste partite si giocano con gli attributi. Dobbiamo pensare a vincere e basta, se no non serve nemmeno far calcoli. Certo butteremo l’occhio e l’orecchio all’altra partita. Ma la prima cosa è che dobbiamo vincere noi”.
Diana Miraglia

Diana Miraglia
Informazioni su Diana Miraglia 2002 Articoli
Giornalista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*